Jul 212016
 

andalusian_dog_pickup_92

Setlist:

  1. Wish I Was Your River (Terry And The Pirates)
  2. Tagudaun (Andalusian Dog)
  3. Living And Loving (Andalusian Dog)
  4. One More Saturday Night (The Grateful Dead)
  5. Untitled #2 (Andalusian Dog)
  6. Sleeping Underground / White-Room (Andalusian Dog / Cream)
  7. Untitled #3 (Cortesi)
  8. Thats What You Always Say (Dream Syndicate)
  9. Untitled #4 (Andalusian Dog)
  10. Your Eyes (Andalusian Dog)
  11. Grub (Andalusian Dog)
  12. Get Off My Age (Andalusian Dog)
  13. Tagudaun take 2 (Andalusian Dog)

Personnel:

  • Ferruccio “Gnaffo” Cortesi – Vocals
  • Paolo Guiducci – Guitar
  • Paolo Bondi – Guitar
  • Andrea Collini – Bass
  • Giuseppe “Geppo” Casadei – Drums

Recording notes:

  • Source: Tape
  • Audience recording by Marco Zoffoli, at the Pick-Up, Cesenatico (FC), Italy, December 1992.
Jul 192016
 

Nobody Home (Nisoun in ca)

16th song from the album The Wall (30-Nov-1979)
By Roger Waters (Pink Floyd)

Traduzione in dialetto romagnolo a cura di mazapegul:

Aiò un librizin nir cun al mi poesii
Aiò una bursètta cun e spazulein e e pètan
Quand a fag e brèv cagnein
Im bota un’oss, dal volti
Aiò di elastic ch’im ten sò al schèrpi
Aiò chi blues dal mèni gounfi
Aiò treg canel d’merda da guardè in t’la televisioun

Aiò la lousa
Aiò la sgònda vesta
Aiò un òcc ch’lè una putenza
E l’è par quèst ca sò
Che quand a prov ad ciamèt
An truvarò mai nisoun in ca

Aiò la pitnadoura obligatoria cumpagna jimi hendrix
E sèmpra chi busanein bruse
Dninz in t’la camisa ad raso clam pis ad piò
Aiò al didi macèdi ad nicotina
Aiò un cuciarein d’arzent in t’la cadneina
Aiò e pianoforte long
Par met sò quel ch’l’arvènza d’la mi vida
Aiò di occ saibèdgh chi gvèrda fes
Aiò una gran voia ad ciapè e vòul
Ma a nò gnènca un pòst par vulè
Oh burdèla, quand a ciap e telefono
Un gnè ancòura nisoun in ca

Aiò un pèr ad stivel gohills
E radghi ch’al sin va

Testo originale:

I’ve got a little black book with my poems in
I’ve got a bag with a toothbrush and a comb in
When I’m a good dog they sometimes throw me a bone in
I got elastic bands keeping my shoes on
Got those swollen hand blues.
Got thirteen channels of shit on the T.V. to choose from

I’ve got electric light
And I’ve got second sight
I’ve got amazing powers of observation
And that is how I know
When I try to get through
On the telephone to you
There’ll be nobody home

I’ve got the obligatory Hendrix perm
And I’ve got the inevitable pinhole burns
All down the front of my favourite satin shirt
I’ve got nicotine stains on my fingers
I’ve got a silver spoon on a chain
I’ve got a grand piano to prop up my mortal remains
I’ve got wild staring eyes
I’ve got a strong urge to fly
But I’ve got nowhere to fly to
Ooooh Babe when I pick up the phone
There’s still nobody home

I’ve got a pair of Gohills boots
And I’ve got fading roots

Jul 132016
 

image

foto Marco Guido Zoffoli

I Primus vantano una delle sezioni ritmiche più potenti che si siano mai viste in ambito rock. Siamo ai livelli di coppie storiche quali Bruce-Baker e Jones-Bonham per intenderci, seppur in generi diversi. Il trio di El Sobrante CA, Les Claypool (basso, voce), Larry LaLonde (chitarra), Tim Alexander (batteria), esordisce col live Suck On This (1989), una miscela originale e vertiginosa di funk, King Crimson, Zappa e attitudine punk. Il gruppo raffina la propria tecnica in studio l’anno seguente con le cavalcate mozzafiato di Frizzle Fry. Nel ’91 esce il secondo album in studio Sailing the Seas of Cheese, che include alcuni dei loro classici più memorabili con annesse incursioni in territori atmosferici e psichedelici, l’album rimane forse il loro capolavoro. Negli album successivi la formula inizia accusare una certa stanchezza creativa, anche se gli album Pork Soda (1993) e Tales from the Punchbowl (1995) contengono ancora degli ottimi momenti.

Jul 052016
 

The Gunner’s Dream (Il Sogno Dell’Artigliere)

5th song from the album The Final Cut (21-Mar-1983)
By Roger Waters (Pink Floyd)

Traduzione in italiano a cura di mazapegul:

Fluttuando giù attraverso le nuvole [1]
Ora i ricordi mi raggiungono di fretta
Nello spazio fra i cieli
E nell’angolo di qualche campo straniero
Ho fatto un sogno
Ciao Max
Ciao mamma
Dopo la funzione quando lentamente tornate all’auto
E l’argento nei suoi capelli splende nella fredda aria di novembre
Senti il rintocco della campana
E prendi la seta del tuo lapel [2]
E mentre le lacrime si alzano per trovare il conforto della banda
Le prendi la mano delicata
E ti aggrappi al sogno

Un posto dove stare
Abbastanza da mangiare
Un posto dove vecchi eroi passeggiano tranquillamente per la strada
Dove puoi parlare forte
Dei tuoi dubbi e paure
E soprattutto
Nessuno deve più scomparire [3]
Non li senti più col loro equipaggiamento scalciare alla tua porta [4]
Puoi rilassarti su entrambi i lati delle strade [5]
E i fanatici non crivellano i suonatori col telecomando [6]
E tutti fanno ricorso alla legge
E nessuno uccide più i bambini

Notte dopo notte
Mi rigira nel cervello
Il suo sogno mi fa impazzire

Nell’angolo di qualche campo straniero
L’artigliere stanotte dorme
Quel che è fatto è fatto
Non possiamo semplicemente cancellare la sua scena finale
Pensa bene al suo sogno
Pensaci bene

[1] “Floating down”, in italiano “fluttuando giù”, si riferisce alla caduta col paracadute.
[2] “Lapel” o “rever” della giacca.
[3] Durante il regime nazista veniva fatta sparire la gente, poteva accadere agli ebrei o a chiunque fosse inviso al regime.
[4] “Standard-issue” si riferisce all’equipaggiamento obbligatorio militare, armi incluse.
[5] Sempre durante il regime nazista agli ebrei veniva proibito di camminare sui marciapiedi.
[6] Waters fa riferimento all’attacco terroristico della IRA al Regent’s Park di Londra, il 20-Jul-1982. Durante il concerto della banda Royal Green Jackets una bomba venne fatta esplodere sotto il palco uccidendo sette suonatori.

Testo originale:

Floating down through the clouds
memories come rushing up to meet me now
in the space between the heavens
and in the corner os some foreign field
I had a dream
I had a dream
goodbye Max
goodbye ma
after the service when you’re walking slowly to the car
and the silver in her hair shines in the cold november air
you hear the tolling bell
and touch the silk in your lapel
and as the tear drops rise to meet the comfort of the band
you take her frail hand
and hold on to the dream

A place to stay
enough to eat
somewhere old heroes shuffle safely down the street
where you can speak out loud
about your doubts and fears
and what’s more no-one ever disappears
you never hear their standard issue kicking in your door
you can relax on both sides of the tracks
and maniacs don’t blow holes in bandsmen by remote control
and everyone has recourse to the law
and no-one kills the children anymore
and no-one kills the children anymore

night after night
going round and round my brain
his dream is driving me insane
in the corner of some foreign field
the gunner sleeps tonight
whats done is done
we cannot just write off his final scene
take heed of his dream
take heed

Jun 252016
 

 

Marc Ribot’s Ceramic Dog at The Chapel, San Francisco, 21-Jun-2016.

Jun 242016
 

In realtà hanno “plagiato” tutti e due, sia i Led Zeppelin che gli Spirit. Il tema dell’introduzione di Stairway to Heaven è un “cliché” chiamato “lament bass” utilizzato in numerosi brani di musica pop, ed era già noto nel periodo barocco. Tipo in Dido’s Lament di Purcell (1688):

Jun 202016
 

$20

6th song from the album C’mon (25-Jan-2005)
by Mimi Parker and Alan Sparhawk (Low)

Traduzione in italiano a cura di mazapegul:

Un cuore che non esploderà
E labbra che non hanno sete
Sei la prima a cui ho pensato

Il mio amore è gratis [1]

Il respiro di un uccello
Una voce mai sentita
Ma tu conoscevi ogni parola

Il mio amore è gratis

Il sogno è sufficiente
Il prezzo è troppo alto
Ma per noi è nulla

Il mio amore è gratis

[1] “My love” può essere inteso sia come “il mio amore” che come “amore mio”.

Testo originale:

A heart that won’t burst
And lips that don’t thirst
I thought of you first

My love is for free, my love
My love is for free
My love is for free, my love
My love is for free

The breath of a bird
A voice never heard
But you knew every word

My love is for free, my love
My love is for free
My love is for free, my love
My love is for free

The dream is enough
The price is too much
But it’s nothing to us

My love is for free, my love
My love is for free
My love is for free, my love
My love is for free