Jan 072016
 

Elenco vocaboli provenienti dal dialetto romagnolo in versione “italianizzata”, i quali vengono spesso utilizzati, più o meno consapevolmente, nelle frasi italiane. Fra parentesi è riportata la parola originale in dialetto romagnolo.

Vedi anche: Insulti in dialetto romagnolo, Al zità e Proverbi e modi di dire romagnoli.
Gruppo Facebook: Spataccati la faccia!

A:

  • alora (da alòura): allora, si usa anche come saluto es.: e alora??
  • animaliaccio (da animaliaz): animalaccio
  • aquì (da aquè): qui
  • articiòcco (da artcioch): carciofo
  • arvìre (da arvei): aprire
  • a sà: abbastanza
  • azdora (da azdòura): massaia, reggitrice

B:

  • babùssa (da babossa): mento pronunciato
  • bagàglio (da bagài): oggetto di cui non si conosce o non si ricorda il nome. es: sposta qual bagaglio che è sempre nel mezzo.
  • bagattàre (da bagatè): rovinare.
  • baghìno (da bagèn): maiale
  • baghìno riccio (da baghèn rez): porcospino
  • baiòcchi (da baioch): soldi
  • balòsa/balùsa (da balousa): (1) castagna bollita col guscio, (2) organo genitale femminile, (3) bella ragazza, (4) patacca
  • barbetto (da barbèt): mento
  • basciamèlla (da basciamèla): besciamella
  • bascòzza (da bascòza): tasca
  • bastianàzzo (da bascianàz): persona grande e grossa
  • batecco (da batèch): bastone
  • bazàrro (da bazàr): oggetto di cui non si conosce o non si ricorda il nome
  • biassàre (da biasè): (1) biascicare, (2) pronunziare male, con difficoltà e lentezza
  • biaccolare (da biaclè): parlare in modo incomprensibile o troppo velocemente
  • biciaròtto (da biciaròt): bicchierotto
  • bietta (da biètta): tiro forte (a pallone)
  • bigolo/bigulo (da beigual): ombelico
  • birro (da bér): letteralmente ariete o, più appropriato, montone, fig.: burino
  • bisinìno (da bisinein): poco
  • bombardino (da bumbardèin): oggetto che fa qualcosa, di cui non si conosce o non si ricorda il nome
  • boàzza (da buaza): sonnolenza
  • bocchìno (da buchen): oggetto di poco valore o che funziona male. es: il tuo nuovo amplificatore è proprio un bocchino.
  • boccia, boccino (da bocia, buciein): bambino piccolo
  • borèlla (da burèla): mucca
  • bosco (da bosch): Gambettola
  • bricco (da brech): somaro
  • briscola (da brescla): (1) gioco con le carte, (2) botta, tozzone, calcio. es: se ti prendo ti briscolo.
  • bròda (da broda): mangiare dei maiali
  • bubbolare (da bublè): patire il freddo
  • buffa (da boffa): nevica forte
  • bugarone (da bugaròun): scarafaggio
  • bulirone (da buliròun): confusione, pieno di gente. es: ieri alla festa c’era un gran bulirone.
  • buratèlli (da buratel): anguille
  • burdèllo/burdèlla (da burdèl/burdèla): ragazzo/ragazza
  • bustarghìre (da bustarghei): abbrustolire
  • buso (da bous): buco
  • busone (da busòun):  fortunato


C:

  • caddìo (da cadìo): casa di dio, un posto molto lontano. es: bello quel locale, solo che è caddìo.
  • calàra (da calèra): discesa, vallata. es: come mai sono tutti quì, cosa c’é la calara?
  • cancaraccio (da cancaràz): persona brutta, inguardabile
  • cancaro (da chèncar): cancro
  • cane (da cane): invece che. es: meglio questo cane quello
  • canzèllo (da canzèl): cancello
  • capomilla (da capumella): camomilla
  • cappàre (da capè): scegliere. es: te cappi sempre il migliore eh?!
  • cappèlla (da capèla): errore, sbaglio.
  • cargadùro (da cargadour): carico pieno. es: ti dò un cargadùro di botte.
  • cargàre (da carghè): caricare
  • carnasìno (da carnasein): vento molto freddo
  • carvello (da carvèl): moltissimo
  • cavelli (da cavel): capelli
  • cavrone (da cavròun): capellone
  • cazzabubolo (cazabobal): aggeggio, arnese. es: mi passi il cazzabubolo per svitare ‘sto pistolo?
  • cazzarola (da cazarola): casseruola
  • chiavàre (da ciavè): (1) trombare, (2) fregare, rubare (3) farsi male. es: mi sono chiavato le dita nella porta.
  • chiavàta (da ciavèda): fregatura
  • ciacaràre (da ciacarè): chiaccherare
  • ciacarone (da ciacaròun): chiaccherone
  • ciappàre (da ciapè): prendere
  • ciòrla (da ciorla): piagnucolio tipico dei bambini
  • ciotàre (da ciutè): coprire
  • ciou: esclamazione di scampato pericolo o di avvertimento. es: ciou! sta attento!
  • ciulare (da ciulè): trombare
  • ciuturo (da ciutour): tappo
  • coccàlo (da cuchèl): gabbiano
  • comèlla (da cumèla): come mai?
  • coppetto (da cupèt): nuca, schiaffo sulla nuca
  • coradèlla (da curadèla): frattaglia (interiora degli animali macellati)
  • corina (da curèna): scirocco
  • cortèllo (da curtèl): coltello
  • còso: persona di cui non si ricorda il nome
  • coste (da costi): costolette
  • cuartàzza (da cuartàza): imboscata
  • cuccalone (da cucalòun): credulone
  • cuccàre (da cuchè): conquistare una ragazza/o
  • cuciarìno (da cuciarèn): cucchiaino
  • cuciaròli (da cuciarùl): castagne secche
  • culàndra: fortuna
  • culandrone (da culandròun): fortunato
  • cùle: espressione di rifiuto. es: D: ti butti prima te? R: cùle!
  • culo (da coul): fortuna
  • cuzzàre (da cuzè): sbattere la testa. es: sei ignorante che cuzzi!

D:

  • dabòno (da dabon): davvero, sul serio.
  • dacquàre (da daquè): dare acqua. es: vai a dacquare i fiori.
  • dalùngo (da dalongh): lontano
  • dato (da dè): accorto. es: non me ne sono dato.
  • dindlone (da dindlòun): grande e tontolone
  • drovare (da druvè): usare

E:

  • empua empua: quasi

F:

  • fardore (da fardòur): raffreddore
  • fasoli (da fasùl): fagioli
  • fiamba: fiamma
  • fiato (da fiè): puzzo
  • focarina/fogarina/fogheraccia (da fugarèna): grande falò. es: la focarina di San Giuseppe
  • forzìna (da furzèina): forchetta
  • fracco (da frach): molto/e. es: ho guadagnato un fracco di soldi
  • franco (da frènch): moneta romagnola. es: non ho rimasto più un franco!
  • fràngole (da frangli): briciole
  • frescone (da friscòun): colpo di freddo che causa mal di pancia, raffreddore e acciacchi vari
  • frizzàglio (da farzài): peperonata
  • fumo (da fom): grande quantitativo. es: ti do un fumo di botte.
  • furmantone (da furmantòun): frumento
  • furminanto (da furminènt): fiammifero

G:

  • gàggio (da gag): coi capelli rossi
  • gamba: per niente. es: non mi piace gamba.
  • gabìna (da gabeina): cabina
  • gambarèlla (da gambarèla): sgambetto
  • ganganone (da ganganon): persona grande e goffa
  • gapone/capone (da gapòun): cappone, gallo castrato solitamente da brodo
  • gardèlla (da gardèla): graticola
  • garetti (da garet): caviglie
  • garnada (da garnèda): scopa
  • garnadone (da garnadòun): rimbambito
  • gasato (da gasè): persona esaltata, con vanto
  • gatta (da gata): sbronza
  • gatùzzole (da gatozli): solletico
  • gapone (da gapòun): gallina
  • garibaldini (da garibaldein): caramelline di zucchero aromatizzato
  • gavàgno (da gavagn): cesto
  • gazòtto (da gazòt): uccellino
  • giargianese: lingua incomprensibile e sconnessa
  • giarino (da giarein): ghiaia
  • giaròli (da giarul): i sassolini della ghiaia
  • giazzàto (da giazè): ghiacciato
  • giazzòlo (da giazol): ghiacciolo
  • girandoloni (da zirandloun): sempre in giro senza meta
  • giuggiolone (da gigiulòun): rincoglionito
  • giure (da giouri): forbici
  • gnaffa (da gnafa): donna corpulenta, o ipertrofìa di organi o parti anatomiche
  • gnara (da gnèra): difficile. es: “la vedo un po’ gnara”, una situazione o un momento duri, difficili.
  • gniscolo (da gnescual): vermiciattolo
  • gnòcca (da gnòca): (1) organo genitale femminile, (2) bella ragazza
  • gnòcchi (da gnoch): (1) pugni dati con le nocche delle dita, (2) tipo di pasta. es: ti dò dei gnocchi nella testa.
  • gozzolo (da gozzal): goccio
  • grassòli (da grasùl): ciccioli
  • gravàtta (da gravata): cravatta
  • griso: aspro, non maturo
  • guasi: quasi

I:

  • imbariagòtto (da imbariagòt): ubriacone
  • imbirìto (da imbirei): infuriato, eccitato
  • imbombìto (da imbumbei): rincoglionito
  • imbustarghìto (da imbustarghei): sbruciacchiato
  • immaltàto (da immaltè): infangato
  • inciciuìto (da iciciuei): rimbecillito
  • indarlìto (da indarlei): tonto
  • indipartutto (da indipartot): dappertutto
  • infrontàre (da infruntè): indovinare
  • ingavagnàto (da ingavagnè): intrappolato, incartato. es: avevo delle carte buone ma mi sono ingavagnato.
  • inquartàto (da inquartè): grasso, obeso
  • insansàto (da insansè): scimunito
  • intortare (da inturtè): conquistare una ragazza/o
  • invalnàto (da invalnè): avvelenato
  • invìllo (da invèl): da nessuna parte. es: stasera non vado invillo.
  • invornìto (da invurnei): tonto
  • inzurlìto/inciurlìto (da inzurlei/inciurlei): stordito, intontito (da troppe chiacchiere, dalla musica alta?)

L:

  • lappa (da lapa): cibo che impasta la lingua. es.: il caco non maturo lappa.
  • ligurizia: liquerizia
  • lillone/lullone (da lilòun): grande e tontolone
  • lione (da liòun): leone
  • lovvo (da lov): goloso
  • lozzo (da lòz): sporco
  • lùdero/ludro: pigro, svogliato, fannullone
  • luvarìa: golosità
  • luvini (da luvein): lupini
  • luvone/luvarone (da luvòun): golosone

M:

  • maccanìno (da macanein): Capannaguzzo
  • malando (da malan): baccano
  • maletta (da malètta): scroto
  • malta: fango
  • manarìno (da manarèin): accetta
  • manarvèrso (da manarvers): manrovescio
  • manetta (da manètta): a forte velocità. es: guidavo a manetta.
  • manghi (da mèngh): masturbazioni. es: vai a fare dei manghi.
  • margùso (da margous): muco nasale
  • margusone (da margusoun): immaturo, persona adulta dal comportamento infantile
  • masàre (da masè): nascondere
  • masgòtto (da masgòt): cibo premasticato, fare il palotto
  • massa (da masa): molto
  • matìre (da matei): giochi, scherzi, sciocchezze
  • mazzapegolo (da mazapegul): folletto romagnolo
  • melarància (da melarènza): arancia
  • modato (da mudè): vestito bene, elegante.
  • mòllo (da mòl): bagnato
  • mortaròli (da murtarùl): pentolame
  • mo zò (da mo zò): dai su. esempio: mo zò, cosa combini!
  • muggia (da moggia): muggisce
  • mugliega: albicocca
  • muglione (da mugliòun): Monte Leone
  • mungitone (da mungitòun): Monte Iottone
  • muroglie (da muroi): emorroidi

N:

  • ninino (da ninén): maialino

O:

  • os-cia/osta: ostia, espressione di meraviglia. es: os-cia che roba!
  • ovra: bracciante, il lavoro di una giornata, es.: andare a ovra, andare come operaio in campagna

P:

  • paciàrra (da paciàra): paciugo, melma
  • paciugone (da paciugòun): pasticcione
  • pandarsòli (da pandarsùl): prezzemolo
  • paròlo (da parol): paiolo
  • parpadèlle (da parpadèli): pappardelle
  • pastìna (da patèina): pasticca
  • pavaiòtta (da pavaiòta): moschino
  • parsiùtto (da parsot): prosciutto
  • patacca (da patàca): coglione, sfigato, sciocco, sprovveduto
  • patìto (da patei): persona magra. es: come sei patito, ma di danno da mangiare?
  • pese (da pès): pesce
  • piazzettìna (da piaztèina): Pieve Sistina
  • pidariòlo (da pidariol): imbuto
  • pigra: pecora
  • pinazzi (da pinèz): piedacci
  • pipilocca: imbranato
  • pirucca (da pirocca): trottola
  • pisarèlli (da psarel): piselli
  • piscolla (da piscòlla): pozzanghera
  • pistòlo (da pistol): oggetto generico a forma di pistoncino, pulsalnte, manopola
  • pivironi (da piviroun): peperoni
  • piulare (da piulè): piagnucolare
  • piulo (da pioul): piagnucolio
  • pizulnìno (da pizulnein): pezzettino
  • pizzone (da pizòun): piccione
  • platò: cassetta per la frutta
  • plita (da plita): sbronza
  • plìto (da pleit): tacchino
  • polentone (da pulentòun): persona particolarmente lenta
  • porbia (da porbia): polvere
  • pomidòre (da pimidori): pomodori
  • porbione (da purbiòun): polverone
  • poveràzze (da puràzi): vongole
  • prete (da prit): scaldaletto a carbonella
  • pugnette (da pugnètti): masturbazioni, seghe
  • pursìa: qualunque, a caso. es: quali vuole? me ne dia un po’ pursia.
  • pressia/prissia: fretta

Q:

  • quaglionàre (da quaiunè): prendere in giro
  • quaglione (da quaiòun): uomo semplice, facile da prendere in giro

R:

  • rabalziere (da rabalzìr): ladro, impostore
  • radanare (da radanè): mettere in ordine, sistemare
  • radghe (da radghi): radici
  • ràgano (da règan): ramarro
  • ragnàre (da ragnè): (1) spilorciare, (2) litigare
  • ranzgo (da ranzg): (1) spilorcio, (2) andato a male
  • razzàre (da razè): rovistare
  • riccia (da rezza): spago
  • ridursi (da ardous): ritornare. es: non ridurti a casa troppo tardi.
  • rimmolo (da remmal): crusca
  • robàra (da rubèra): cosa di scarsa qualità o valore
  • ruggiàre (da rugì): (1) piangere, (2) urlare
  • rugolare (da ruglè): arrotolare
  • rusghìno (da rusghein): raucedine

S:

  • sabbione (da sabiòun): sabbia
  • sagattàre (da sagatè): rovinare, distruggere
  • saibàdgo (da saibàdg): selvatico, abominevole
  • salabràto (da salabrè): troppo salato
  • saràcchio (da saràc): sputo
  • saraghìna (da saragheina): sardina
  • savarnàta (da savarnèda): forte botta, colpo
  • sbambocciata (da sbambuzèda): subire una sconfitta pesante, essere ripreso con durezza da altri. es: prendersi una sbambocciata
  • sbassare (da sbasè): abbassare. es. sbassa quella musica!
  • sbiavito (da sbiavei): sbiadito
  • sbimbolato (da sbimbulè): sballato
  • sbocchinare (da sbuchinè): manomettere/regolare qualcosa, cazzeggiare
  • sbombàre (da sbumbè): funzionare a meraviglia. es: l’amplificare sbomba di brutto!
  • sbracciolato (da sbrazulè): a maniche corte
  • sbrago (da sbrègh): divertimento. es: vieni che c’è da sbragarsi.
  • sbròzzo (da sbròz): moltissimo, un’esagerazione. es: ne ho comprati uno sbrozzo.
  • sbruvaldàre (da sbruvaldè): sbavare
  • sburone (da sburòun): (1) persona particolarmente in gamba, (2) sfigato, goffo
  • sbuzzo (da sboz): intelligenza, stimolo, creatività, talento, slancio, spontaneità
  • scadore (da scadòur): prurito
  • scaffa (da scàfa): lavello dove si lavano i piatti
  • scancellàre (da scanzlè): cancellare
  • scapellare (da scaplè): sbagliare
  • scapùzzo (da scapoz): (1) inciampo, (2) sbaglio. es: hai fatto goal per scapuzzo.
  • scapuzzàre (da scapuzè): inciampare
  • scarànna (da scaràna): sedia
  • scartòzzo (da scartòz): cartoccio. es: prendi il latte nello scartozzo.
  • scaviàte (da scavìdi): scapaccioni
  • scavicciato (da scavcè): spettinato
  • scavidàre (da scavdè): evitare
  • schiòppo (da s-ciòp): fucile
  • scùccio (da scoz): scontro (di solito inteso come scontro fra auto)
  • s-ciavìto/schiavìto (da s-ciavei): insipido
  • s-ciadùro (da s-ciadour): mattarello
  • s-ciàffole (da s-ciàfli): ciabatte
  • s-ciampetto (da s-ciampet): ramo per il camino/stufa. es: ti tiro uno sciampetto nella testa!
  • s-cìcco (da s-cech): all’asciutto. es: ho la macchina a scicco (senza benzina)
  • s-ciòccàre (da s-ciuchè): schioccare
  • scappellare (da scaplè): sbagliare, scazzare.
  • scola: pozzanghera
  • scriccàre (da scrichè): stringere
  • scriccòtto (da scricòt): schiacciamento
  • scurezza (da scurèzza): scoreggia
  • scurzone (da scurzòun): scoreggione
  • sfarfugliàre (da sfarfuiè): dire cose non comprensibili ad altri in momenti di ira, di alterazione, di confusione o di ubriachezza
  • sfiombàre (da sfiumbè): andare molto veloci
  • sforbìre (da sfurbei): pulire a fondo
  • sfrangolàre (da sfrangulè): fare le bricciole. es: non vedi che stai sfrangolando fuori dal piatto?
  • sfrombola (da sfrombla): fionda
  • sfrondolo (da sfrondal): strafalcione, storpiatura dell’italiano
  • sfrùffola (da sfroffla): cade il nevischio
  • sfrucciàre (da sfrucì): infilare un arnese qualunque in un buco per cercare qualcosa
  • sfrùccio (da sfroc): punteruolo
  • sgadora (da sgadòura): pugnettara
  • sgarnàre (da sgarnè): sgranellare
  • sgavagnàrsela (da gavagno: cesto): cavarsela, togliersi da un impiccio
  • sgombiato (da sgumbì): mal messo, vestito male, sparpagliato
  • sgombigliàre (da sgumbiè): scompigliare
  • sgombràre (da sgumbrè): prendere tutto, finire
  • sgrafagnàre (da sgrafagnè): graffiare
  • sgrafagno (da sgrafagn): graffio
  • sgrigna (da sgregna): crisi di riso
  • sgolmàto/sgulmàto (da sgulmè): ingordo
  • sguglone (da sguglòun): ingordo
  • sguillàre (da sguilè): scivolare
  • slacquazzàto (da slaquazè): diluito, senza nerbo
  • slèppa (da slèpa): forte botta, colpo
  • slitto/slivdo (da slet): lucido di mente. es: non sei proprio slitto slitto.
  • slungagnone (da slungagnòun): persona molto alta.
  • smanàrsi (da smanès): svestirsi
  • smangagnato (da smangagnè): deforme, sbilenco
  • smasàre (da smasè): spostare rumorosamente
  • smataràta (da smatarèda): caduta in terra
  • smortàre (da smurtè): spegnere
  • smortòrio (da smurtori): cerimonia funebre, luogo poco vivace o privo di vita.
  • smulgare (da smulghè): inzuppare, intingere
  • sorgo (da sòrgh): topo
  • spagnàra (da spagnèra): erba medica
  • spanèlla (da spanèla): spanna. es: ci dai a spanèlle (dicasi di persona poco precisa).
  • spantaciato (da spantaciè): spettinato
  • sparguglioni (da sparguglioun): di cose, animali e persone sparsi ovunque
  • sparnazzàto (da sparnazè): disordinato, spettinato
  • spatàcco (da spatàch): divertimento
  • spataccàre (da spatachè): cazzeggiare
  • spatassàre (da spatasè): spintonare
  • spilicco (da splech): pezzettino
  • spistolare (da spistulè): armeggiare/regolare qualcosa
  • spoglia (da spoia): sfoglia
  • sporbiàre (da spurbiè): spolverare
  • spugnettàre (da spugnitè): armeggiare qualcosa senza combinare niente di buono. es: sei sempre dietro a spugnettare con quel bombardino.
  • stortàre (da sturtè): piegare
  • strabigare (da strabighì): strascicare
  • strabìgo (da strabeigh): grande quantitativo, moltissimo
  • strabìgolo (da strabeigual): grande quantitativo, moltissimo
  • stràcco (da stràch): stanco
  • strambalàto (da strambalè): strampalato, fuori dal normale, in senso positivo
  • strolgàre (da strulghè): inventare, escogitare
  • stroppàre (da strupè): pulire con uno strofinaccio
  • stugiàre (da stugì): (1) studiare, (2) mungere
  • stugolàre/stoglàre: sdraiare, stendere, es.: mi vado a stugolare nel letto
  • surgatàccio (da surgatàz): topaccio
  • susinone (da susinòun): grande e tontolone
  • svarione (da svariòun): giramento di testa
  • svettola/sviettola (da svèttla): tozzone
  • svinàre (da svinè): andare fuori di testa

T:

  • tacca (da taca): inizia, es.: tacca banda
  • tacone (da tacòun): rimasuglio di qualcosa (dal sugo al fango) ormai inamovibile
  • tandrone (da tandròun): carne tenera, sedere, qualcosa di morbido e tenero
  • tanimòdi: in ogni caso, comunque
  • tapparòtto (da taparòt): persona bassa.
  • tinco (da tenc): (1) rigido, (2) morto. es: è rimasto tinco come una razza.
  • tirombèlla (da tirumbèla): sfrenato. es: andavo giù a tirombella.
  • teggia (da tèggia): teglia
  • tognino (da tugnín): tedesco
  • tomàna (da tumèna): divano
  • tozza (da tòza): piccolo schiaffo sulla testa
  • tròccolo (da troccual): pezzo. es: lasciane un troccolo anche per me.
  • trucciàre (da trucì): (1) bere avidamente, (2) consumare benzina. es: questa macchina truccia parecchio.
  • tucciàre (da tucì): imbevere il pane nel sugo

U:

  • uccèllo (da usèl): organo genitale maschile

V:

  • vangiàzzo (da vangiàz): ventaccio
  • vaiona (da vaiòun): campagna, campi
  • vengìno (da vangein): velticello fresco
  • vidròcchia (da vdròcia): biglia di vedro
  • voipa (da voipa): volpe

Z:

  • zabbàglio (da zabài): abbaglio
  • zàccualo (da zàcual): anatra
  • zambottino (da zambutin): es: “ci propri un zambutin!”
  • zampigàre (da zampighì): camminare rumorosamente
  • zanchetto (da zanchètt): pesce dell’adriatico
  • zandarnèllo (da zandarnèl): cetriolo
  • zanzàla (da zanzèla): zanzara
  • zanzigàre (da zanzighì): tartagliare
  • zeppa (da zèppa): forte botta, colpo
  • zetti (da zet): rami
  • zimbalo (da zembal): cretino
  • zinalone (da zinalòun): grembiule
  • zìngano (da zengan): zingaro
  • zippotto (da zipót): piccolo schiaffo, pugno, es: “ti dò un zippotto nei denti!”
  • ziriótto (da ziriót): cervese, di cervia
  • znìno (da znein): piccolino
  • zòcco (da zòch): pezzo grosso di legno per il camino/stufa
  • zolla (da zòlla): cipolla
  • zonzerìe (da zunzerì): sporcherie
  • zonzità (da zunzità): sporcizia
  • zonzolone (da zunzlòun): sporcaccione
  • zrìse (da zreisi): ciliegie
  • zrìso (da zrìs): ciliegio
  • zunta (da zounta): aggiunta
  • zunzìzza (da zunzezza): salsiccia
  • zuzzare (da zoz): accettare, es.: non la zuzzo, non l’accetto

  14 Responses to “Dizionario sfrondoli romagnoli”

  1. ovri
    andè a ovra: andare come operaio in campagna

  2. Ricorda di aggiungere GUASI dall’italiano QUASI! Gran bel lavoro!

  3. qualcuno sa dare una interpretazione alla parola “pitura” nel contesto della tipica frase: “una -- o la -- pitura ad bacala’ ” essa nel suo contesto intende la pezzatura intera di baccalà, infatti di dice: “Oh tolt una pitura ad bacala'” -- ho comperato un baccalà intero.

    Grazie

    Fabio

  4. Mi sembra manchi “zuzzare”, nel senso di “non la zuzzo” con significato di “non la accetto”..

  5. ciao.. sai cosa mancherebbe? il termine scarfigno.. scarfégn.

  6. Splendido lavoro, mi permetto di aggiungere anche Landa: ho magnè una landa ad parsot ( fettina molto sottile)

  7. Scarfégn (scarpégn) dovrebbe essere un tipo di erba campestre.
    Hai fatto un buon lavoro!

Leave a Reply to mazapegul Cancel reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)