Jan 082016
 

Raccolta di insulti, minacce, e cattiverie varie tipiche in dialetto romagnolo, con relativa traduzione.

Vedi anche: Dizionario sfrondoli romagnoli, Al zità e Proverbi e modi di dire romagnoli.
Gruppo Facebook: Spataccati la faccia!

  • Ci tinc com un batèc: Sei rigido come un bastone.
  • Ci tinc com un lumbardòn: Sei rigido come un baccalà.
  • Quèl l’ha una testa cmé un sgòmbar: Lo sgombro, unità di misura ufficiale del Q. I. in Romagna.
  • Quèl lè cmè è moul ad Cescani!: Il mulo di Cescani si muoveva solo a morsi nelle orecchie (origine gambettolese).
  • Va int’e slendar!:
  • Le cumpagn al sumar d’Scaia, l’è tot murluné: E’ come in somaro di Scaia è tutto (?)
  • L’ha mustrè e cul pr’una zrìsa: Ha mostrato il culo per una ciliegia (Detto a chi si è venduto per poco).
  • L’ha pio corni lò canè una zesta’d luméghi: Ha più corna lui di una cesta di lumache.
  • Sut fèm un mangh?: Cosa vuoi farmi un manico?
  • Va in tla Giula!: Vai alla Giola!; la Giola era parte della rete fognaria di Cesena dove il mattatoio scaricava i sui rifiuti
  • L’è ignurent com una zuchira: È ignorante come una zuchira; per “zuchira” si intende la dorifora della patata, o il grillotalpa, zuccaiola, che mangia le radici delle zucche
  • L’è cateiv c’mé un pèz ad cherna inte col: È cattivo come un pezzo di carne nel collo; la carne è quella del bovino, che sostenendo il giogo sulle spalle induriva il muscolo in quel punto, risultando, una volta macellato, stopposo al palato
  • Ignurent a tè e a chi unte deis!: Ignorante a te e a chi non te lo dice!
  • Ci fort cume l’asèdar: Sei forte come l’aceto
  • Se e mi coul e foss cum la su faza am vergugnareb ènca a scurzé: Se il mio culo fosse come la sua faccia mi vergognerei anche a scoreggiare
  • Ci cumpagna la furzèina in te brod: Sei come la forchetta nel brodo.
  • Tci un bdòch arfàt!: Sei un pidocchio rifatto!; si dice di uno che si è elevato ma è noto che viene dal basso
  • Sbàsa la crèsta!: Abbassa la cresta!; quando qualcuno cerca prevaricare oltre il consentito
  • E counta cm’e do ad coppi quand e cmanda bastoun: Conta come il due di coppe quando comanda bastoni; si dice di qualcuno che conta poco nelle decisioni
  • Tci bèla cum e coul dla padèla: Sei bella come il sotto della padella
  • Se l’ignurenza l’avess agli èli ma te it dareb da magnè sla sfrombla: Se l’ignoranza avesse le ali e te ti darebbero da mangiare con la fionda
  • Ci e mej dla cuveda di baghen malè: Sei il meglio della covata del maiale malato (sei il meglio del peggio)
  • Sat ciàp at scòurg da veiv: Se ti prendo ti scortico vivo
  • Fat margusòun: Fatto margusone (con le candele al naso)
  • Smetla d’fè l’imbezel, va la: Smettila di fare l’imbecille, va la
  • Saret pu un’ignurènt: Sarai pure un ignorante
  • At caz dal scavìdi: Ti do degli scapaccioni
  • Brot zinganàz: Brutto zingaraccio
  • St’atent ch’at’atac in t’la muràia: Stai attento che ti attacco alla muraglia
  • Brut truiasi! brut putanasi!: Brutte troiacce! brutte puttanacce! (detto da una nonna alle nipoti…)
  • Cut venja un azident: Che ti venga un accidende
  • Ci propri un zinzloun: Sei proprio un zuzzurellone
  • Ci acsè svampei che t’coz: Sei cosi svampito che vai a sbattere con la testa
  • S’at ciàp at stac un braz e at mèin sa quèl: Se ti prendo ti stacco un braccio e ti meno con quello
  • At dag un cargadour ad bòti: Ti un carico di botte
  • Va a scurzé en’te remal: Va a scoreggiare sulla crusca

  • Va a fè de’ciapi in’tla paciara: (?)
  • Ci furb, sol se chi-elt iè imbezel: Sei furbo solo se gli altri sono imbecilli
  • Va a fè al pugnetti valà: Vai a fare delle pugnette, va la
  • Tul in te sàc: Prendilo nel culo
  • Caz’t disdei in t’un fous: Mettiti a sedere su un fuso
  • At caz un manarvers ca’t fag zire pr’una stmèna: Ti do un manrovescio che ti faccio girare per una settimana
  • Cu’t casches l’usel matera e u’t rimbalzes in the cul: Che ti cascasse l’uccello per terra e ti rimbalzasse nel culo
  • Va in ti fre: Va nei frati
  • Va in te fiom: Va nel fiume
  • Va a fè dal brètti: Va a fare dei berretti
  • Va all’invouran: Va all’inferno (credo)
  • Va in te cumoun: Va nel comune
  • At cioud in te culeg: Ti chiudo nel collegio
  • Sat ciap a t’un dag cu ne sa nisoun: Se ti prendo te ne do’ che non lo sa nessuno
  • Te una testa com una mazola: Hai una teste come una mazzola (il pesce)
  • Ci propri un cucalon: Sei proprio un credulone
  • At cmenz a dè du sciafun ala volta finché in dvènta despar: Ti comincio a dare due schiaffoni alla volta finché non diventano dispari
  • Va a fè di buchein mi chèn: Va a fare dei bocchini ai cani
  • T’fe schiv, loz e vargogna: Fai schifo, lordume e vergogna
  • Faza da cul da chèn da caza: Faccia da culo di cane da caccia
  • Sel te la vaca in tla scheina: Cos’hai una vacca nella schiena?, dicasi di persona svogliata)
  • Du ta l’e la forza, in tel cul quand scurez?: Dove ce l’hai la forza, nel culo quando scoreggi?
  • At dag un fum d’ bot e pu a deg can to vest: Ti riempio di botte e poi dico che non ti ho visto
  • Faza da cul da chen da caza l’ è piò bel e mi cul che la tu faza: Faccia da culo di cane da caccia e’ il bello il mio culo della tua faccia
  • At dag un s-ciafon cut parrà e dè d pasqua: Ti do’ uno schiaffone che ti sembrera’ il giorno di pasqua
  • Oca marèna: Oca marina
  • At faz na bretta: Ti faccio un berretta, ovvero: te lo tiro in testa
  • Ci propri un pipilöca: Sei proprio un’ocarina
  • Cut vegna un sbòc ad fedelini: Che ti venga da vomitare i fedelini
  • Vargognàt vargugnos: Vergognati vergognoso
  • T’vù ciapè dù scìafun sobit sobit?: Vuoi prendere dua schiaffoni subito subito?
  • Tan ci propri nurmel sobit: Non sei proprio normale subito
  • T’fe rid m’i pol: Fai ridere ai polli
  • Ci sèmpra in te mèz cume la zobia: Sei sempre nel mezzo come il giovedi’
  • T’fe avni e lat m’i garet: Fai venire il latte alla caviglie
  • Cu t’aves magnè la troia da znein: Che ti avesse magiato la troia da piccolo
  • Cut s’ciupes una roda in curva: Che ti scoppiasse una ruota in curva
  • Aj taiaria l’usel ma che baghen: Gli taglierei l’uccello a quel maiale
  • Mo chi te cumbine’? Vigliac dun porc: Ma cosa hai combinato? Vigliacco di un porco
  • T’fe avni a lat i’znoch: Fai venire il latte alle ginocchia
  • Brott cancarazz: Brutto cancro
  • Cì pez che ne la merda in te lét: Sei peggio della merda nel letto
  • Va là, va in tì fré: Va là, vai nei frati
  • Ci fort c’mè l’ aseda: Sei forte come l’aceto
  • Ci zounz c’me e bastoun de pulèr: Sei sporco come il bastone del pollaio
  • Sta atenti cat dag un zipoun in ti dint: Sta attento che ti arrivo un colpo nei denti
  • Set magnè, di regan?: Cos’hai mangiato, dei ramarri?
  • Sumar d’un esan: Somaro di un’asino
  • Ci long cum la messa canteda: Sei lungo come la messa cantata
  • Fat de in te fioch: Fatti dare nel fiocco
  • Te ona testa che sù la ià una mazola la s’afoga: Hai una testa che se ce l’ha una mazzola si affoga
  • Te ona testa che sù la ià un sardòn e và in muntagna: Hai una testa che se ce l’ha un sardone va in montagna
  • Testa ad mort: Testa di morto
  • Fis-ciaza: Fischiaccia, delatore, spione
  • Surdaz: Testa dura, uno che non vuol ascoltare, capire. sinonimo: tistaza
  • Zalôn: Giallone per travaso di bile, itterico, problemi di fegato
  • Frèid: Fradicio
  • Zupaz: Letteralmente zoppaccio, difficile un altro significato oltre al dispregiativo
  • ‘Mbriagon: Ubriacone
  • Faquaion: Contrazione di “fa e’ quajôn” che diventa fa’quajôn
  • Ci propri un paganèl: Sei proprio un paganello, di persona che abbocca facilmente
  • Ci propri un sgumbì: Sei proprio mal messo
  • Te una pozza dri tam pè un chèn stuglè: Hai una puzza dietro che mi sembri un cane sdraiato
  • Sat dag un mors at invlen: Se ti do un morso ti avveleno
  • At dag un cazot ca t’arbort: Ti do un cazzotto che ti ribalto
  • Va a scurzè in te borotalco: Vai a scoreggiare nel borotalco; un modo originale per mandare “a quel paese” una persona
  • L’è ros c’me un prit imbarig: È rosso come un prete ubriaco

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)