Jan 132016
 

Raccolta di proverbi, tiritere, luoghi comuni e modi di dire romagnoli con traduzione. Una selezione di quelli più tipici e interessanti.

Vedi anche: Dizionario sfrondoli romagnoli, Insulti in dialetto romagnolo e Al zità.
Gruppo Facebook: Spataccati la faccia!

  • Te ch’tac i tac, tan tac un tac a me? T’vu che me tac i tac a te s’enca te tac i tac, tacti te i tu tac: (scioglilingua) Tu che attacchi i tacchi, mi attacchi un tacco a me? Vuoi che io attacchi un tacco a te se anche tu attacchi i tacchi, attaccateli da te i tuoi tacchi.
  • Me a la tù età a magnèva e fug e a caghèva la zèndra!: Io alla tua età mangiavo il fuoco e cagavo la cenere!
  • L’è e gat murmion cl’ha arburté la pgnata: È il gatto brontolone che ha ribaltato la pentola.
  • An so miga e fiol de pori sugameni: Non sono mica figlio dei poveri …
  • Un s’fa un fòss senza do rivi: Non si fa un fosso senza due rive (La colpa non è mai da una parte sola).
  • Sa t’atac e tac a t’atac e tic: (scioglilingua) Se ti attacco il tacco ti attacco il tic.
  • Se ven la crisi, intènt che i mègar i s’mor, i grès i s’mègra: Se viene la crisi, intanto che i magri muoiono, i grassi dimagriscono.
  • Mè tè e loi a sèm in troi: Io tu e lui siamo in tre (con accento bellariese).
  • Taia taia l’è sempar cort: Taglia taglia è sempre corto.
  • T’e da scorr quant al pessa al galèni: Devi parlare quando pisciano le galline (Un modo per dire di stare zitti).
  • Piotòst che nient l’è mei piotòst: Piuttosto che niente è meglio piuttosto
  • I’ha fat agli’arvultai: Quando i genitori contraccambiano l’invito a cena dei genitori della fidanzata/o.
  • T’vu insgnì e gat a rapè so?: Vuoi insegnare al gatto ad arrampicarsi? (Si usa quando si vuole fare capire una cosa che si da per scontato di saper fare).
  • Un’s’coi un stèch: Non si raccoglie un bastone (Detto quando non si combina niente)
  • Quand l’è inuvlè un’ha èlt che da piov: Quando è annuvolato non ha altro che da piovere (Detto di una situazione critica).
  • Se ci bon tal vì da par tè: Se sei capace lo vedi da solo.
  • L’è cme dì putèna ma la voipa: È come dire puttana alla volpe (Detto quando uno resta indifferente all’insulto).
  • L’è scorg cme e caval ad Scaia e dla bocca u’s ved e bus de coul : È piagato come il cavallo di Scaia e dalla bocca gli si vede il buco del culo (Detto di persona gravemente malata e magra).
  • Nàt preocupa pàr chi più fùrb cne tè: Non preoccuparti di quelli più furbi di te.
  • La Pasquèla un pàs ad vidèla: Per la Pasquella un passo di vitella (per l’Epifania le giornate si cominciano ad allungare a vista d’occhio).
  • Sant’Antoni un’oura bona: A Sant’Antonio un’ora buona (le giornate si sono allungate già di un’ora rispetto al solstizio d’inverno)
  • Andènd in là tòt i quaiòun isn’a dà: Andando in là non c’è coglione che non se ne accorga.
  • Burdèl fat a canèl, magna luven, chiga stupen: (tiritera) Ragazzo fatto a canale, (alto, lungo) mangia lupini, caga stoppini. (Cioè mangia tondo ed evacua lungo).
  • Burdèl fat a canèl, piscia caghìn, magna scurzìn: (tiritera) Bambino fatto a cennello (alto lungo). piscia, caga, mangia, scorreggia (Insomma una bocca da sfamare).
  • Calàndri e calandròin pòc am n’incour, l’è è dé ad San Pauòloin cùn sìa scòur!: Della calandra e i calandrini poco mi importa, ma che non sia brutto il giorno di S.Paolo mi interessa eccome! (Calandra era l’interpretazione dell’anno usando i primi dodici giorni di gennaio (uno per mese) il calandrino è una calandra minore, la seconda dozzina di gennaio. S.Paolo, la conversione, cade il 15.)
  • La lengua l’an ha òss, la s’li tira toti adòss: La lingua non ha osso, se li tira tutti adosso.
  • I scurs d’la sera in va cun qui d’la matèna.: I discorsi della sera non vanno d’accordo con quelli della mattina.
  • Poch’osi in tla malètta: Poche ossa nello scroto (Esortazione alla chiarezza, un invito a non sofisticare il contesto con elementi estranei).
  • U j è da spatachès la fàza!: C’è da divertirsi come i matti!
  • La pataca l’è cme la pida, i pio furtunè ii met la zunzezza: La patacca (patata) è come la piadina, i più fortunati ci mettono la salsiccia.
  • Dai e dai la zolla la dventa ai: Dai e ridai la cipolla diventa aglio.
  • E sarà mo mè an la vegh! E giet che zigh: Sarà ma io non la vedo! Disse quel cieco.
  • Va a fè de bén ma la zenta…: Vai a fare del bene alla gente…; frase di sconforto in seguito ad un comportamento scorretto subito da una persona che si credeva fidata
  • E fa set pas soura una preda: Fa sette passi sopra ad una pietra; riferito ad una persona opulenta o che dimostra lentezza nel fare le cose
  • E vo fè set quadret con una pida: Vuole ottenere sette quadretti da una piadina; riferito ad persona che vuole eccedere nel fare
  • Un s’cheva un raign da un bous: Non si cava un ragno da un buco
  • Prèima u’t cheva gli occ, e pò u’t ven ad onz al pustoini: Prima ti toglie gli occhi, e poi ritorna per ungerti le cavità degli occhi; dicasi di persona che, dopo un litigio, cerca di rimediare all’accaduto
  • Fazil amazè oun quand é chega: Facile ammazzare uno che caga”; equivale al detto: “È come sparare sulla Croce Rossa”
  • L’è com lighì e chèn cun la zunzezza: È come legare il cane non la salsiccia (si dice quando qualcosa non potrà mai funzionare).
  • L’è mei avèi e coul sèn sotta i calzoun rot che i calzoun sèn soura e coul rot: È meglio avere il culo sano sotto i calzoni rotti che i calzoni sani sopra il culo rotto.
  • I suld gl’è cme i dulur, chi j’à i si tén: I soldi sono come i dolori, chi li ha se li tiene.
  • I bajoc i fa andè ènca l’acqua d’in sô: I soldi fanno persino andare l’acqua verso l’alto.
  • Us fa prema a metjal in te cul che in tla testa!: Si fa prima a metterglielo nel culo che nella testa! (detto a chi è duro di comprendonio).
  • Un basta avèi rasòn, e bsogna ch’i t’la dèga: Non basta avere ragione, bisogna che te la riconoscano.
  • S’am met a fè e’ caplèr la zenta la nèss senza la testa: Se mi metto a fare il cappellaio la gente nasce senza testa.
  • U j è chi ch’magna par campè e chi ch’magna par s-ciupè: C’è chi mangia per vivere e chi mangia per scoppiare.
  • A pènza pina u’s rasòuna mej: A pancia piena si ragiona meglio.
  • Temp bon, salouda e quatrèn i n’stofa mai: Bel tempo, salute e quattrini, non stancano mai.
  • La pida s’e parsot la pis un po’ m’a tot: La piadina col prosciutto piace un po’ a tutti.
  • L’aqua la fa mèl, e vèn e fa cantè.: L’acqua fa male, il vino fa cantare.
  • L’aqua la fa la rozna: L’acqua fa la ruggine (Si dice per invitare a bere il vino).
  • La brasùla ‘d chietar la pè sèmpar piò granda.: La braciola degli altri sembra sempre più grande.
  • An cio miga la serva ad Zofoli!: Non sono mica la serva di Zoffoli! (Si dice quando non si vuole passare per sprovveduti).
  • Zìra e frolla, a sèm sèmpra da che pèir e da che féig: Gira e frulla, siamo sempre da quel pero e da quel fico.
  • Strinzìv e cul e tnì bòta!: Stringete il culo e tenete duro!
  • T’vu che un nespol e fèza i fig?: Vuoi che un nespolo faccia i fichi? (Si dice per le cose impossibili).
  • T’vu fè la scurezza pio grosa de coul: Vuoi fare la scoreggia più grossa del culo (equivale a “vuoi fare il passo più lungo della gamba”).
  • T’ci in tla scheina de buratèl: Sei sulla schiena dell’anguilla (sei in bilico).
  • Tan vì un prit in tla nèiva: Non vedi un prete in mezzo alla neve (detto a uno che ci vede poco).
  • Quel cun stroza l’ingrasa: Quello che non strozza ingrassa.