Apr 182016
 

Nel caso dell’ultimo Referendum ha votato il 31% degli aventi diritto, di cui l’86% ha votato “sì”. Il quorum del 50%+1 non è stato raggiunto, dunque è come se avesse vinto il “no”. Se calcoliamo le percentuali assolute abbiamo: il 26% degli aventi diritto ha votato “sì”; il 5% ha votato “no”. Ora supponiamo che i sostenitori del “no” avessero deciso di andare a votare più numerosi, avremo così tre scenari diversi:

  • se non avessero superato il 24% assoluto nulla sarebbe cambiato perché il quorum non sarebbe ancora superato;
  • se avessero superato il 26%, il “no” avrebbe vinto col quorum;
  • se infine questi avessero raggiunto fra il 24%-26% avrebbero fatto superare il quorum, ma decretato la vittoria del “sì”.

Non esprimo giudizi sul merito del referendum, voglio solo evidenziare il fatto che tecnicamente votare “no” offre una chance di vittoria, seppur piccola, al “sì”. Un “rischio” che aumenta progressivamente col salire della percentuale dei votanti “sì”.

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)