May 112016
 

Bloodflow (Flusso del Sangue)

16th song from the album The Black Light (19-May-1998)
By Joey Burns (Calexico)

Traduzione in italiano a cura di mazapegul:

I suoi occhi ora sono chiusi
Quell’ultimo respiro è vicino
Lei lascia andare la mia mano
E io precipito in un mare di lacrime

Cerco il sentiero che percorrevamo insieme
Perso qualche tempo fa
Ora sono bloccato sulla cima della montagna
E c’è una sola via per tornare

Scendo, continuo a scendere
Dentro la terra dove le cattive sementi sono state seminate
Metto le radici
E mi trascino più dentro

Ci vuole tempo, ancora più tempo
La fortuna è andata e non ci sono più pause
Solo la terra sottostante
Che scuote e lascia andare

Ingoiato per intero, non c’è più molto da trascinare
Niente sorprese di controfigure
O travestimenti alla Houdini
Per sfuggire alla morte
Evitare il colpetto sulle spalle da quel tipo col lungo mantello nero

Solo vedere quegli occhi di lei brillare
Vale ogni somma o lunghezza di tempo
Che riempirebbe quello spazio
Dove il suo amore un tempo scorreva

Ma più cerco di resistere
Più mi allontano nella mia deriva
Spazzato via nella risacca
Dove parte di me vuole giacere
Sotto le onde del dolore e delle lacrime

Inabissarmi fino in fondo e trattenere lì il resto dei miei anni
Camminare in mezzo alle ossa muscose
Dei miei padri, madri, sorelle, fratelli
Sentire il loro sangue scorrere via
Inviare l’anima per la sua strada

Testo originale:

Her eyes are closed now
That final breath is near
She lets go of my hand
And I fall into a sea of tears

In search for the trail that we were both riding
Lost sometime ago
Now I’m stranded on the mountain’s edge
And there’s only one way back

Down and down I go
Into the ground where the bad seeds are sown
Take root and pull me further in

Long and long and longer it takes
Good luck’s gone and there’s no more breaks
Just the ground beneath that shakes and gives way

Swallowed up whole
There ain’t much now I can pull
No stuntman surprises or Houdini-like disguises
For death defying escape
Avoid the tap on the shoulder
From that one with the long black cape

Just to see those eyes of hers shine
Is worth any sum or length of time
That would fill that space
Where her love once flowed

But the more I resist
The further and further I drift
Get swept out in the riptide
Where my part of me wants
To lie ‘neath the waves of sorrow and tears

Sink to the bottom and linger there the rest of my years
Walk among the mossy bones
Of my fathers, mothers, sisters, brothers
Feel their blood flow away, send the soul its way

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)