Jul 052016
 

The Gunner’s Dream (Il Sogno Dell’Artigliere)

5th song from the album The Final Cut (21-Mar-1983)
By Roger Waters (Pink Floyd)

Traduzione in italiano a cura di mazapegul:

Fluttuando giù [1] attraverso le nuvole
Ora i ricordi mi raggiungono di fretta
Nello spazio fra i cieli
E nell’angolo di qualche campo straniero
Ho fatto un sogno

Ciao Max
Ciao mamma
Dopo la funzione [2] quando lentamente tornate all’auto
E l’argento nei capelli di lei splende nella fredda aria di novembre
Senti il rintocco della campana
E prendi la seta del tuo lapel [3]
E mentre le lacrime si alzano per trovare il conforto della banda
Le prendi la mano delicata
E ti aggrappi al sogno

Un posto dove stare
Abbastanza da mangiare
Un posto dove vecchi eroi passeggiano tranquillamente per la strada
Dove puoi far sentire forte la tua voce
Sui tuoi dubbi e paure
E soprattutto
Nessuno deve più scomparire [4]
Non li senti più col loro equipaggiamento [5] scalciare alla tua porta
Puoi rilassarti su entrambi i lati delle strade [6]
E i fanatici non crivellano i suonatori col telecomando [7]
E tutti fanno ricorso alla legge
E nessuno uccide più i bambini

Notte dopo notte
Mi rigira nel cervello
Il suo sogno mi fa impazzire

Nell’angolo di qualche campo straniero
L’artigliere stanotte dorme
Quel che è fatto è fatto
Non possiamo semplicemente cancellare la sua scena finale
Pensa bene al suo sogno
Pensaci bene

[1] “Floating down”, in italiano “fluttuando giù”, si riferisce alla caduta col paracadute.
[2] “Service” si riferisce al rito funebre religioso o funzione.
[3] “Lapel” o “rever” della giacca.
[4] Durante il regime nazista la gente veniva “fatta sparire” (deportata), poteva accadere agli ebrei, agli omosessuali, o a chiunque fosse inviso al regime.
[5] “Standard-issue” si riferisce all’equipaggiamento obbligatorio militare, armi incluse.
[6] Sempre durante il regime nazista agli ebrei veniva proibito di camminare sui marciapiedi.
[7] Waters fa riferimento all’attacco terroristico della IRA al Regent’s Park di Londra, il 20-Jul-1982. Durante il concerto della banda Royal Green Jackets una bomba venne fatta esplodere sotto il palco con un telecomando, uccidendo sette suonatori.

Testo originale:

Floating down through the clouds
Memories come rushing up to meet me now
In the space between the heavens
And in the corner os some foreign field
I had a dream
I had a dream

Goodbye Max
Goodbye ma
After the service when you’re walking slowly to the car
And the silver in her hair shines in the cold november air
You hear the tolling bell
And touch the silk in your lapel
And as the tear drops rise to meet the comfort of the band
You take her frail hand
And hold on to the dream

A place to stay
Enough to eat
Somewhere old heroes shuffle safely down the street
Where you can speak out loud
About your doubts and fears
And what’s more no-one ever disappears
You never hear their standard issue kicking in your door
You can relax on both sides of the tracks
And maniacs don’t blow holes in bandsmen by remote control
And everyone has recourse to the law
And no-one kills the children anymore
And no-one kills the children anymore

Night after night
Going round and round my brain
His dream is driving me insane
In the corner of some foreign field
The gunner sleeps tonight
Whats done is done
We cannot just write off his final scene
Take heed of his dream
Take heed

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

(required)

(required)