Wednesday, November 21st, 2007

Servizio Mediaset

Filed under: Informazione, Mediaset, Politica, Rai, Romano Prodi, Silvio Berlusconi
Written by: mazapegul @ 10:20 pm

crocoset.jpg Giornalisti Rai in rivolta, finalmente! Un po’ a scoppio ritardato ma meglio tardi che mai. All’indomani dell’insediamento del partito azienda in viale Mazzini, a seguito della vittoria elettorale del 2001, la Rai venne calpestata ed umiliata senza esclusione di colpi. Il cavaliere, nella duplice veste di presidente del consiglio e proprietario dell’azienda concorrente, impose i suoi uomini in Rai, in una situazione di conflitto d’interessi talmente macroscopica che chiamare antidemocratica è ancora un eufemismo. Seguirono anni di scempio televisivo, fra intimidazioni, occultamenti di notizie, epurazioni di giornalisti scomodi, e quant’altro. A giudicare dal conseguente crollo degli indici d’ascolto e dalle devastanti intercettazioni pubblicate su Repubblica, avrebbero trasformato il servizio pubblico in una sorta di servizio Mediaset. Una situazione peraltro denunciata già da tempo da una piccola parte della stampa (vedi L’Unità di Colombo), puntualmente tacciata come demonizzatrice nei confronti del cavaliere anche dal centro-sinistra.

Questo episodio dimostra inoltre, se mai ce fosse stato il bisogno, che il leader dell’ex Casa della Libertà e del neo Partito della Libertà (o come cavolo lo vorranno chiamare), non sopporta ben volentieri ne’ il libero mercato ne’ la libera concorrenza. Preferisce agire indisturbato. Preferisce il monopolio e la prevaricazione. Un leader di centro-destra così insofferente alle regole di mercato lo si doveva ancora inventare.

Nel frattempo Prodi sembra essersi risvegliato, in una intervista sul quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung si rammenta che il “monopolio mediatico” di Silvio Berlusconi è “un pericolo per la democrazia e di conseguenza deve essere corretto dalla legge”. L’eventuale legge sul conflitto d’interessi dovrebbe essere seguita a ruota dalla altrettanto necessaria riforma del servizio pubblico: via i partiti dalla Rai. Il momento è quello giusto, dopo che anche gli ex alleati del cavaliere sono stati da lui umiliati per bene (prima o poi doveva succedere), non dovrebbe essere difficile trovare anche intese più vaste. Sarebbe davvero imperdonabile per l’attuale governo non risolvere questa inaccettabile anomalia italiana, ora.

1 Comment »

  1. peccato che prodi e CO. fanno i brillanti sempre con i giornali stranieri. non mi pare invece che ci sia mai stato una discussione seria sul conflitto di interessi in italia. se se ne è parlato, lo si è fatto su rai tre alle 4 di mattina durante un giorno qualsiasi…. speriamo bene…

    Comment by: bridge — November 22, 2007 @ 3:46 am | permalink

RSS feed for comments on this post | TrackBack URL

Leave a comment

Powered by WordPress