Thursday, March 18th, 2010

Insulti in dialetto romagnolo

Filed under: Dialetto romagnolo, Linguistica
Written by: mazapegul @ 8:15 pm

Raccolta di insulti, minacce, e cattiverie varie tipiche in dialetto romagnolo, con relativa traduzione.

Vedi anche: Dizionario sfrondoli romagnoli e Al Zità – Città in dialetto romagnolo

Gruppo Facebook: Spataccati la faccia!

Compra il mio romanzo Hotel Topazio, un tuffo nella Romagna dei primi anni ’80.

Insulti:

  • Sat ciàp at scòurg da veiv: Se ti prendo ti scortico vivo
  • Fat margusòun: Fatto margusone (con le candele al naso)
  • Smetla d’fè l’imbezel, va la: Smettila di fare l’imbecille, va la
  • Saret pu un’ignurènt: Sarai pure un ignorante
  • At caz dal scavìdi: Ti do degli scapaccioni
  • Brot zinganàz: Brutto zingaraccio
  • St’atent ch’at’atac in t’la muràia: Stai attento che ti attacco alla muraglia
  • Brut truiasi! brut putanasi: Brutte troiacce! brutte puttanacce (che detto da una nonna…)
  • Cut venja un azident: Che ti venga un accidende
  • Ci propri un zinzloun: Sei proprio un zuzzurellone
  • Ci acsè svampei che t’coz: Sei cosi svampito che vai a sbattere con la testa
  • S’at ciàp at stac un braz e at mèin sa quèl: Se ti prendo ti stacco un braccio e ti meno con quello
  • At dag un cargadour ad bòti: Ti un carico di botte
  • Va a scurzé en’te remal: Va a scoreggiare sulla crusca
  • Va a fè de’ciapi in’tla paciara: (?)
  • Ci furb, sol se chi-elt iè imbezel: Sei furbo solo se gli altri sono imbecilli
  • Va a fè al pugnetti valà: Vai a fare delle pugnette, va la
  • Tul in te sàc: Prendilo nel culo
  • Caz’t disdei in t’un fous: Mettiti a sedere su un fuso
  • At caz un manarvers ca’t fag zire pr’una stmèna: Ti do un manrovescio che ti faccio girare per una settimana
  • Cu’t casches l’usel matera e u’t rimbalzes in the cul: Che ti cascasse l’uccello per terra e ti rimbalzasse nel culo
  • Va in ti fre: Va nei frati
  • Va in te fiom: Va nel fiume
  • Va a fè dal brètti: Va a fare dei berretti
  • Va all’invouran: Va all’inferno (credo)
  • Va in te cumoun: Va nel comune
  • At cioud in te culeg: Ti chiudo nel collegio
  • Sat ciap a t’un dag cu ne sa nisoun: Se ti prendo te ne do’ che non lo sa nessuno
  • Te una testa com una mazola: Hai una teste come una mazzola (il pesce)
  • Ci propri un cucalon: Sei proprio un credulone
  • At cmenz a dè du sciafun ala volta finchè in dvènta despar: Ti comincio a dare due schiaffoni alla volta finchè non diventano dispari
  • Va a fè di buchein mi chèn: Va a fare dei bocchini ai cani
  • T’fe schiv, loz e vargogna: Fai schifo, lordume e vergogna
  • Faza da cul da chèn da caza: Faccia da culo di cane da caccia
  • Sel te la vaca in tla scheina: Cos’hai una vacca nella schiena?, dicasi di persona svogliata)
  • Du ta l’e la forza, in tel cul quand scurez?: Dove ce l’hai la forza, nel culo quando scoreggi?
  • At dag un fum d’ bot e pu a deg can to vest: Ti riempio di botte e poi dico che non ti ho visto
  • Faza da cul da chen da caza l’ è piò bel e mi cul che la tu faza: Faccia da culo di cane da caccia e’ il bello il mio culo della tua faccia
  • At dag un s-ciafon cut parrà e dè d pasqua: Ti do’ uno schiaffone che ti sembrera’ il giorno di pasqua
  • Oca marèna: Oca marina
  • At faz na bretta: Ti faccio un berretta, ovvero: te lo tiro in testa
  • Zuchìra o zuchera: Grillotalpa, zuccaiola, mangia le radici delle zucche
  • Ci propri un pipilöca: Sei proprio un’ocarina
  • Cut vegna un sbòc ad fedelini: Che ti venga da vomitare i fedelini
  • Vargognàt vargugnos: Vergognati vergognoso
  • T’vù ciapè dù scìafun sobit sobit: Vuoi prendere dua schiaffoni subito subito?
  • Ci forra cum una bessa: Sei fuori come una biscia
  • Tan ci propri nurmel sobit: Non sei proprio normale subito
  • T’fe rid m’i pol: Fai ridere ai polli
  • Ci sèmpra in te mèz cume la zobia: Sei sempre nel mezzo come il giovedi’
  • T’fe avni e lat m’i garet: Fai venire il latte alla caviglie
  • Cu t’aves magnè la troia da znein: Che ti avesse magiato la troia da piccolo
  • Cut s’ciupes una roda in curva: Che ti scoppiasse una ruota in curva
  • Aj taiaria l’usel ma che baghen: Gli taglierei l’uccello a quel maiale
  • Mo chi te cumbine’? vigliac dun porc: Ma cosa hai combinato? vigliacco di un porco
  • T’fe avni a lat i’znoch: Fai venire il latte alle ginocchia
  • Brott cancarazz: Brutto cancro
  • Cì pez che ne la merda in te lét: Sei peggio della merda nel letto
  • Va là, va in tì fré: Va là, vai nei frati
  • Ci fort c’mè l’ aseda: Sei forte come l’aceto
  • Ci zonz c’me e baston de pulèr: Sei sporco come il bastone del pollaio
  • Burdel fat a canel magna luven chiga stupen: Ragazzo fatto a canale, (alto, lungo) mangia lupini e caga stoppini cioè mangia tondo ed evacua lungo
  • Sta atenti cat dag un zipoun in ti dint: Sta attento che ti arrivo un colpo nei denti
  • Set magnè, di regan?: Cos’hai mangiato, dei ramarri?
  • Sumar d’un esan: Somaro di un’asino
  • Ci long cum la messa canteda: Sei lungo come la messa cantata
  • Fat de in te fioc’: Fatti dare nel fiocco
  • Te ona testa che sù la ià una mazola la s’afoga: Hai una testa che se ce l’ha una mazzola si affoga
  • Te ona testa che sù la ià un sardòn e và in muntagna: Hai una testa che se ce l’ha un sardone va in montagna
  • Testa ad mort: Testa di morto
  • Fis-ciaza: Fischiaccia, delatore, spione
  • Surdaz: Testa dura, uno che non vuol ascoltare, capire. sinonimo: tistaza
  • Zalôn: Giallone per travaso di bile, itterico, problemi di fegato
  • Fraid: Fradicio
  • Zupaz: Letteralmente zoppaccio, difficile un altro significato oltre al dispregiativo
  • ‘Mbriagon: Ubbriacone
  • Faquaion: Contrazione di “fa e’ quajôn” che diventa fa’quajôn

25 Comments »

  1. vest ca sem in par condicio, ai mand tot m’e gveran!

    Comment by: mazapegul — March 19, 2010 @ 9:55 pm | permalink

  2. us ved un palaz nun sved un test ad caz??? XD

    Comment by: vally — March 26, 2010 @ 3:45 am | permalink

  3. Sel, te ciape` un palen ad stress? {Cos’e`, hai preso un pallino di striscio?)

    Comment by: Alex — April 12, 2010 @ 10:19 pm | permalink

  4. fata balusa

    Comment by: paolo — November 23, 2010 @ 6:36 am | permalink

  5. ta ne un vers (non hai un verso)
    ci propri mase mel (sei messo male)
    com a sit spianè? ( come sei messo?)
    brot pisò (brutto piscione)
    la tè avnuda la pipinela (ti è venuto sonno)
    la s’arvacia in te stalett cumpagn alla pezz dal troi ( si rotola nello stalletto come la peggiore delle troie)
    dai in tla figa e pu dai neca in te cul

    Comment by: paolo — November 23, 2010 @ 6:41 am | permalink

  6. @paolo:
    grazie per il contributo! la “pipinela” non la conoscevo, di che zona sei?

    Comment by: mazapegul — November 23, 2010 @ 7:26 am | permalink

  7. Sel ut’è avnù la bagogna? Cos’è ti addormenti?
    Cesenaticense

    Comment by: Ivan — December 12, 2010 @ 3:24 am | permalink

  8. di S.pietro in trento/Coccolia :)

    Comment by: Paolo — December 12, 2010 @ 2:51 pm | permalink

  9. a sò svarsè com un calzett (sono rovesciato come un calzino)
    oh..l’ariva Pirò (mi viene sonno)
    pasam agl’erum (dammi le chiavi)
    a me e brod un pis gras! ( mi piacciono le donne grasse)
    a sò imbariegh coma na cioza ( sono ubriaco come una gallina)
    quest le un cul cla zà ciavè (hai il culo rotto)
    mazler an avì de fegat? se..alora lichim la figa (signora di 80 anni dal macellaio)
    brota sbragadora!! ( donna di facili costumi)

    Comment by: Paolo — December 12, 2010 @ 2:59 pm | permalink

  10. L’at tuchès ona acsè! (quando si offende una ragazza e un altro ti riprende a sua volta)
    A e temp ad guèra uinèra dla pèz! (per sdrammatizzare certe situazioni)
    L’è cumpagna de e caz al vèci! (…)

    Comment by: christian — February 12, 2011 @ 2:44 am | permalink

  11. perchè il romagnolo è meglio di tutte le lingue!

    Comment by: silvia — August 7, 2011 @ 1:36 am | permalink

  12. L’è ignurèt che ròzla in salida. OPPURE: L’è ignurét che fa la porbia int l’aqua

    Comment by: barto — August 20, 2011 @ 1:32 am | permalink

  13. Se t’e de cul tpu fee ignaquel
    se tsi sfighee tan pu fee un caz
    mo se in tla testa te e zarvel
    a l’ignuranza tai pu de un braz.

    Comment by: Nino — April 19, 2012 @ 12:06 pm | permalink

  14. l’è piò trapli che sorg.

    l’è un vigliacc cùn neva.

    Comment by: albi di s.egidio — July 3, 2012 @ 3:23 am | permalink

  15. cut avness un colp ma te e ma chi ta fat….che saria me!! (detto dalla mamma a un figlio)

    Comment by: Gary — August 21, 2012 @ 6:43 am | permalink

  16. Trattasi di dialetto romagnolo della zona di Rimini, seppur ben comprensibile anche nel forlivese e nel ravennate. Lugo 01/12/’12

    Comment by: Leonardo Montanari — December 1, 2012 @ 7:46 am | permalink

  17. Va a fè de’ciapi in’tla paciara: vai a fare dei lavoretti (giochi) con il fango

    Comment by: vito ravenna — May 11, 2013 @ 1:55 pm | permalink

  18. “mo se in tla testa te e zarvel
    a l’ignuranza tai pu de un braz”
    cosa vuol dire l’ultima frase?

    Comment by: Munch — June 30, 2013 @ 6:48 am | permalink

  19. Cut vegna un mel che e chencar l’è la cura

    Comment by: MARCO — November 30, 2013 @ 7:05 am | permalink

  20. ahahahah, ottima!

    Comment by: mazapegul — November 30, 2013 @ 9:27 am | permalink

  21. mi sono servite un mucchio sopprattutto quando dovevo litigare con uno su facebook

    Comment by: manuel — January 1, 2014 @ 5:53 am | permalink

  22. @manuel: ottimo utilizzo!

    Comment by: mazapegul — January 1, 2014 @ 11:46 pm | permalink

  23. (18) ma se in testa hai il cervello, all’ignoranza puoi dare un braccio

    Comment by: sandra — February 2, 2014 @ 11:35 pm | permalink

  24. Va fè di ciok in tla paciara….salta o dai le manate nel fango producendo rumore…

    Comment by: gianni — August 12, 2014 @ 3:56 pm | permalink

  25. Va avde sl’ha caghe la cioza …vai a vedere se la gallina a fatto la cacca

    Comment by: gianni — August 12, 2014 @ 3:59 pm | permalink

RSS feed for comments on this post | TrackBack URL

Leave a comment

Powered by WordPress