Aug 112016
 

Summer’s Almost Gone (L’istèda l’è bèla andèda)

4th song from the album Waiting for the Sun (3-Jul-1968)
Lyrics by Jim Morrison, music by The Doors

Traduzione in dialetto romagnolo a cura di mazapegul:

L’istèda l’è bèla andèda
Sè, l’è bèla che andèda
Duvò ca sarèm
Quand l’istèda la sarà fnida?

La matèina la sa truvè tranquel sènza pansir
E mezdè u sa bruse d’or i cavel
Ad nota a nudèm in te mèr che reid
Quand l’istèda la sarà fnida
Duvò ca sarèm?

L’istèda l’è bèla andèda
A sèm ste propri ben
Ma l’è fnida
L’ariva l’inveran
L’istèda l’è bèla andèda

Testo originale:

Summer’s almost gone
Summer’s almost gone
Almost gone
Yeah, it’s almost gone
Where will we be
When the summer’s gone?

Morning found us calmly unaware
Noon burn gold into our hair
At night we swim the laughin’ sea
When summer’s gone
Where will we be?
Where will we be?
Where will we be?

Morning found us calmly unaware
Noon burn gold into our hair
At night we swim the laughin’ sea
When summer’s gone
Where will we be?

Summer’s almost gone
Summer’s almost gone
We had some good times
But they’re gone
The winter’s comin’ on
Summer’s almost gone

Aug 112016
 

Me and Bobby McGee (Mè e Roberto Mècghì)

7th song from the album Pearl (11-Jan-1971)
by Kris Kristofferson and Fred Foster
Cover by Janis Joplin

Traduzione in dialetto romagnolo a cura di mazapegul:

Strèch s-cènt a Baton Rouge
Aspitèmmi e treno
Quand a s’era sbiavìda cumpagna i mi jeans
Roberto l’ha farmè un camion cun e didòun
Apena prèma che piuves
Cu s’ha purtè dret a New Orleans
Aiò tirè forra la mi armonica inguplèda in tla mi bandana ròssa luzòusa
A sunèva pianein quand Roberto e cantèva e blues
Al spazoli de vèidar las daseva e ritmo
A tniva la mèna ad Roberto cun la mia
Avèm cantè tot al canzouni chi cnos i camiunestar

La libertà l’è soul un’èlta paróla
Par no avèi gnint da perd
Gnint l’ha sens s’un’è lebar
Sè, stè ben l’era fazil
Quand lò e cantèva e blues
Tal se che stè ben par me l’era a sa
L’era a sa par mè e Roberto Mècghì

Da al minìri ad carboun de Kentucky
A e soul dla California
Sè, Roberto l’ha capei i segreti dla mi amna
Cun e soul o cun la piòza
Cun tot quèl ch’avèm fat
Sè, e mi Roberto un m’ha fat ciapè frèd
Un dè dri da Salinas
A l’ho lasè sguilè via
E zarchèva cla cà
E me a spèir cu lepa truvèda
A scambiareb tot i mi dmèn
Pr’oun ad chi dè
Che a tniva Roberto abrazè strèt

La libertà l’è soul un’èlta paróla
Par no avèi gnint da perd
Gnint l’ha sens s’un’è lebar
Sè, stè ben l’era fazil
Quand lò e cantèva e blues
Tal se che stè ben par me l’era a sa
L’era a sa par mè e Roberto Mècghì

Testo originale:

Busted flat in Baton Rouge, waitin’ for a train
And I’s feelin’ near as faded as my jeans
Bobby thumbed a diesel down, just before it rained
It rode us all the way to New Orleans

I pulled my harpoon out of my dirty red bandanna
I was playin’ soft while Bobby sang the blues, yeah
Windshield wipers slappin’ time, I was holdin’ Bobby’s hand in mine
We sang every song that driver knew

Freedom’s just another word for nothin’ left to lose
Nothin’, don’t mean nothin’ hon’ if it ain’t free, no no
And, feelin’ good was easy, Lord, when he sang the blues
You know, feelin’ good was good enough for me
Good enough for me and my Bobby McGee

From the Kentucky coal mine to the California sun
There Bobby shared the secrets of my soul
Through all kinds of weather, through everything we done
Yeah, Bobby baby kept me from the cold

One day up near Salinas, Lord, I let him slip away
He’s lookin’ for that home, and I hope he finds it
But, I’d trade all of my tomorrows, for a single yesterday
To be holdin’ Bobby’s body next to mine

Freedom’s just another word for nothin’ left to lose
Nothin’, that’s all that Bobby left me, yeah
But, feelin’ good was easy, Lord, when he sang the blues
Hey, feelin’ good was good enough for me, mm-hmm
Good enough for me and my Bobby McGee

La da da
La da da da
La da da da da da da da
La da da da da da da da
Bobby McGhee, yeah

La da da da da da da
La da da da da da da
La da da da da da da
Bobby McGhee, yeah

La da La la da da la da da la da da
La da da da da da da da da
Hey, my Bobby
Oh, my Bobby McGhee, yeah

La la la la la la la la
La la la la la la la la la la la la la la la
Hey, my Bobby
Oh, my Bobby McGhee, yeah

Well, I call him my lover, call him my man
I said, I call him my lover did the best I can, c’mon
Hey now, Bobby now
Hey now, Bobby McGhee, yeah

Woo
La da, la da, la da, la da, la da, la da, la da, la la
Hey, hey, hey Bobby McGee, yeah
La da, la da, la da, la da, la da, la da, la da, la
Hey, hey, hey, Bobby McGee, yeah

Aug 112016
 

Hey Joe (Ciou Zvan)

Single A-side (16-Dec-1966)
By Billy Roberts
Cover by Jimi Hendrix

Traduzione in dialetto romagnolo a cura di mazapegul:

Ciou Zvan, du vet cun che s-ciop in tal mèni?
Ciou Zvan, a t’ho det, du vet cun che s-ciop in tal mèni?
Bona, a vag a dè ‘na s-ciuptèda ma la mi vecia
Tal se, a l’ho vesta in zir cun un’èlt
Mo sè, ai vag a dè ‘na s-ciuptèda
A l’ho vesta in zir cun un’èlt
E un’è miga un bèl lavòur

Ciou Zvan, ta le mazèda
Mazèda propri
Ciou Zvan, i m’ha det che ta le mazèda
Ta le stèisa ma tèra

Sè, ai ho dè ona s-ciuptèda
Tal se ca l’ho trova in zir cun un’èlt

Ciou zvan, du vò che t-ciap via adès?
Capess mu mè
A vag zò in tla basa
A vag in te Messico, sè
Zò da là du ca pòs lès lebar
Nisoun e truvarà la mi burdèla
La corda in te còl in m’la met
L’è mèi che tai crèida adès
Aiò d’andè via sobit
L’è mèi t’ciapa via din zò
Av salout ma tot
Ciou Zvan, a te deg
Cor via din zò

Testo originale:

Hey Joe, where you goin’ with that gun of yours?
Hey Joe, I said where you goin’ with that gun in your hand, oh
I’m goin’ down to shoot my old lady
You know I caught her messin’ ’round with another man
I’m goin’ down to shoot my old lady
You know I caught her messin’ ’round with another man
And that ain’t too cool
Huh, hey Joe, I heard you shot your mamma down
You shot her down now
Hey Joe, I heard you shot your lady down
You shot her down in the ground, yeah
Yeah
Yes, I did, I shot her
You know I caught her messin’ round, messin’ round town
Yes I did, I shot her
You know I caught my old lady messin’ ’round town
And I gave her the gun
And I shot her
Alright
Shoot her one more time again, baby
Yeah
Oh, dig it
Oh, alright
Hey Joe
Where you gonna run to now, where you gonna go?
Hey Joe, I said
Where you gonna run to now, where you gonna go?
I’m goin’ way down south
Way down to Mexico way
Alright
I’m goin’ way down South
Way down where I can be free
Ain’t no one gonna find me
Ain’t no hang-man gonna
He ain’t gonna put a rope around me
You better believe it right now
I gotta go now
Hey, Joe
You better run on down
Goodbye everybody

Aug 112016
 

Imagine (Pensa un po)

1st song from the album Imagine (9-Sep-1971)
By John Lennon

Traduzione in dialetto romagnolo a cura di mazapegul:

Pensa un po s’ugni fos e paradeis
L’è fazil s’tai pruv
Gnint inferan sòta noun
Sòra noun sòul e zil
Pensa un po ma tota la zenta
C’la campa sol pr’incùa

Pensa un po s’ugni fos i paeis
Un’è difezil
Gnint d’amazè e gnint par murì
E gnènca la religioun
Pensa un po ma tota la zenta
C’la campa in pèsa

T’pu ènca dì ca sò un sugnadòur
Ma an ciò miga da par mè
Sperèmma che oun ad sti dè t’vegna cun noun
E e mònd e sarà oun soul

Pensa s’ugni fos la proprietà
A voi avdèi st’ai la fe
Sènza bsogn d’lès sgulme o d’fè la fèma
Tot fradel
Pènsa un po ma tota la zenta
Chi fa de mònd un po pr’oun

T’pu ènca dì ca sò un sugnadòur
Ma an ciò miga da par mè
Sperèmma che oun ad sti dè t’vegna cun noun
E e mònd e sarà oun soul

Testo originale:

Imagine there’s no heaven
It’s easy if you try
No hell below us
Above us only sky
Imagine all the people
Living for today…

Imagine there’s no countries
It isn’t hard to do
Nothing to kill or die for
And no religion too
Imagine all the people
Living life in peace…

You may say I’m a dreamer
But I’m not the only one
I hope someday you’ll join us
And the world will be as one

Imagine no possessions
I wonder if you can
No need for greed or hunger
A brotherhood of man
Imagine all the people
Sharing all the world…

You may say I’m a dreamer
But I’m not the only one
I hope someday you’ll join us
And the world will live as one

Jan 132016
 

Raccolta di proverbi, tiritere, luoghi comuni e modi di dire romagnoli con traduzione. Una selezione di quelli più tipici e interessanti.

Vedi anche: Dizionario sfrondoli romagnoli, Insulti in dialetto romagnolo e Al zità.
Gruppo Facebook: Spataccati la faccia!

  • Te ch’tac i tac, tan tac un tac a me? T’vu che me tac i tac a te s’enca te tac i tac, tacti te i tu tac: (scioglilingua) Tu che attacchi i tacchi, mi attacchi un tacco a me? Vuoi che io attacchi un tacco a te se anche tu attacchi i tacchi, attaccateli da te i tuoi tacchi.
  • Me a la tù età a magnèva e fug e a caghèva la zèndra!: Io alla tua età mangiavo il fuoco e cagavo la cenere!
  • L’è e gat murmion cl’ha arburté la pgnata: È il gatto brontolone che ha ribaltato la pentola.
  • An so miga e fiol de pori sugameni: Non sono mica figlio dei poveri …
  • Un s’fa un fòss senza do rivi: Non si fa un fosso senza due rive (La colpa non è mai da una parte sola).
  • Sa t’atac e tac a t’atac e tic: (scioglilingua) Se ti attacco il tacco ti attacco il tic.
  • Se ven la crisi, intènt che i mègar i s’mor, i grès i s’mègra: Se viene la crisi, intanto che i magri muoiono, i grassi dimagriscono.
  • Mè tè e loi a sèm in troi: Io tu e lui siamo in tre (con accento bellariese).
  • Taia taia l’è sempar cort: Taglia taglia è sempre corto.
  • T’e da scorr quant al pessa al galèni: Devi parlare quando pisciano le galline (Un modo per dire di stare zitti).
  • Piotòst che nient l’è mei piotòst: Piuttosto che niente è meglio piuttosto
  • I’ha fat agli’arvultai: Quando i genitori contraccambiano l’invito a cena dei genitori della fidanzata/o.
  • T’vu insgnì e gat a rapè so?: Vuoi insegnare al gatto ad arrampicarsi? (Si usa quando si vuole fare capire una cosa che si da per scontato di saper fare).
  • Un’s’coi un stèch: Non si raccoglie un bastone (Detto quando non si combina niente)
  • Quand l’è inuvlè un’ha èlt che da piov: Quando è annuvolato non ha altro che da piovere (Detto di una situazione critica).
  • Se ci bon tal vì da par tè: Se sei capace lo vedi da solo.
  • L’è cme dì putèna ma la voipa: È come dire puttana alla volpe (Detto quando uno resta indifferente all’insulto).
  • L’è scorg cme e caval ad Scaia e dla bocca u’s ved e bus de coul : È piagato come il cavallo di Scaia e dalla bocca gli si vede il buco del culo (Detto di persona gravemente malata e magra).
  • Nàt preocupa pàr chi più fùrb cne tè: Non preoccuparti di quelli più furbi di te.
  • La Pasquèla un pàs ad vidèla: Per la Pasquella un passo di vitella (per l’Epifania le giornate si cominciano ad allungare a vista d’occhio).
  • Sant’Antoni un’oura bona: A Sant’Antonio un’ora buona (le giornate si sono allungate già di un’ora rispetto al solstizio d’inverno)
  • Andènd in là tòt i quaiòun isn’a dà: Andando in là non c’è coglione che non se ne accorga.
  • Burdèl fat a canèl, magna luven, chiga stupen: (tiritera) Ragazzo fatto a canale, (alto, lungo) mangia lupini, caga stoppini. (Cioè mangia tondo ed evacua lungo).
  • Burdèl fat a canèl, piscia caghìn, magna scurzìn: (tiritera) Bambino fatto a cennello (alto lungo). piscia, caga, mangia, scorreggia (Insomma una bocca da sfamare).
  • Calàndri e calandròin pòc am n’incour, l’è è dé ad San Pauòloin cùn sìa scòur!: Della calandra e i calandrini poco mi importa, ma che non sia brutto il giorno di S.Paolo mi interessa eccome! (Calandra era l’interpretazione dell’anno usando i primi dodici giorni di gennaio (uno per mese) il calandrino è una calandra minore, la seconda dozzina di gennaio. S.Paolo, la conversione, cade il 15.)
  • La lengua l’an ha òss, la s’li tira toti adòss: La lingua non ha osso, se li tira tutti adosso.
  • I scurs d’la sera in va cun qui d’la matèna.: I discorsi della sera non vanno d’accordo con quelli della mattina.
  • Poch’osi in tla malètta: Poche ossa nello scroto (Esortazione alla chiarezza, un invito a non sofisticare il contesto con elementi estranei).
  • U j è da spatachès la fàza!: C’è da divertirsi come i matti!
  • La pataca l’è cme la pida, i pio furtunè ii met la zunzezza: La patacca (patata) è come la piadina, i più fortunati ci mettono la salsiccia.
  • Dai e dai la zolla la dventa ai: Dai e ridai la cipolla diventa aglio.
  • E sarà mo mè an la vegh! E giet che zigh: Sarà ma io non la vedo! Disse quel cieco.
  • Va a fè de bén ma la zenta…: Vai a fare del bene alla gente…; frase di sconforto in seguito ad un comportamento scorretto subito da una persona che si credeva fidata
  • E fa set pas soura una preda: Fa sette passi sopra ad una pietra; riferito ad una persona opulenta o che dimostra lentezza nel fare le cose
  • E vo fè set quadret con una pida: Vuole ottenere sette quadretti da una piadina; riferito ad persona che vuole eccedere nel fare
  • Un s’cheva un raign da un bous: Non si cava un ragno da un buco
  • Prèima u’t cheva gli occ, e pò u’t ven ad onz al pustoini: Prima ti toglie gli occhi, e poi ritorna per ungerti le cavità degli occhi; dicasi di persona che, dopo un litigio, cerca di rimediare all’accaduto
  • Fazil amazè oun quand é chega: Facile ammazzare uno che caga”; equivale al detto: “È come sparare sulla Croce Rossa”
  • L’è com lighì e chèn cun la zunzezza: È come legare il cane non la salsiccia (si dice quando qualcosa non potrà mai funzionare).
  • L’è mei avèi e coul sèn sotta i calzoun rot che i calzoun sèn soura e coul rot: È meglio avere il culo sano sotto i calzoni rotti che i calzoni sani sopra il culo rotto.
  • I suld gl’è cme i dulur, chi j’à i si tén: I soldi sono come i dolori, chi li ha se li tiene.
  • I bajoc i fa andè ènca l’acqua d’in sô: I soldi fanno persino andare l’acqua verso l’alto.
  • Us fa prema a metjal in te cul che in tla testa!: Si fa prima a metterglielo nel culo che nella testa! (detto a chi è duro di comprendonio).
  • Un basta avèi rasòn, e bsogna ch’i t’la dèga: Non basta avere ragione, bisogna che te la riconoscano.
  • S’am met a fè e’ caplèr la zenta la nèss senza la testa: Se mi metto a fare il cappellaio la gente nasce senza testa.
  • U j è chi ch’magna par campè e chi ch’magna par s-ciupè: C’è chi mangia per vivere e chi mangia per scoppiare.
  • A pènza pina u’s rasòuna mej: A pancia piena si ragiona meglio.
  • Temp bon, salouda e quatrèn i n’stofa mai: Bel tempo, salute e quattrini, non stancano mai.
  • La pida s’e parsot la pis un po’ m’a tot: La piadina col prosciutto piace un po’ a tutti.
  • L’aqua la fa mèl, e vèn e fa cantè.: L’acqua fa male, il vino fa cantare.
  • L’aqua la fa la rozna: L’acqua fa la ruggine (Si dice per invitare a bere il vino).
  • La brasùla ‘d chietar la pè sèmpar piò granda.: La braciola degli altri sembra sempre più grande.
  • An cio miga la serva ad Zofoli!: Non sono mica la serva di Zoffoli! (Si dice quando non si vuole passare per sprovveduti).
  • Zìra e frolla, a sèm sèmpra da che pèir e da che féig: Gira e frulla, siamo sempre da quel pero e da quel fico.
  • Strinzìv e cul e tnì bòta!: Stringete il culo e tenete duro!
  • T’vu che un nespol e fèza i fig?: Vuoi che un nespolo faccia i fichi? (Si dice per le cose impossibili).
  • T’vu fè la scurezza pio grosa de coul: Vuoi fare la scoreggia più grossa del culo (equivale a “vuoi fare il passo più lungo della gamba”).
  • T’ci in tla scheina de buratèl: Sei sulla schiena dell’anguilla (sei in bilico).
  • Tan vì un prit in tla nèiva: Non vedi un prete in mezzo alla neve (detto a uno che ci vede poco).
  • Quel cun stroza l’ingrasa: Quello che non strozza ingrassa.
Jan 122016
 

Elenco città e luoghi in dialetto romagnolo, limitato ovviamente a quelle la cui denominazione dialettale differisce da quella ufficiale. Sono incluse anche città non romagnole, estero compreso.

Vedi anche: Dizionario sfrondoli romagnoli, Insulti in dialetto romagnolo e Proverbi e modi di dire romagnoli.
Gruppo Facebook: Spataccati la faccia!

A:

  • Alfonsine: a gl’Infulsen
  • Ardiano (Roncofreddo): Ardièn

B:

  • Badia (Longiano): Badì
  • Bagnacavallo: Bàgnacavall
  • Bagnara di Romagna: Bagnèra
  • Bagnarola (Cesenatico): Bagnarôla
  • Bagnile (Cesena): Bagneil
  • Bagno di Romagna: Bagn
  • Balignano (Longiano): Balignèn
  • Balze di Verghereto: al Bèlzi
  • Bellaria: Blèra
  • Bertinoro: Bartnora
  • Bologna: Bulogna
  • Bolzano: Bulzèn
  • Borella: Burèla
  • Borello: Burèl
  • Borghi: i Bourgh
  • Borgo Nuovo (Cesena): Borgh Sgumbì (non esiste sulla mappa ufficiale)
  • Boschetto (Cesenatico): e Buschèt
  • Brisighella: Brisighèla
  • Budrio di Longiano: e Boudar
  • Bulgaria (Cesena): Bigaria

C:

  • Calisese (Cesena): Calsèis
  • Cannucceto (Cesenatico): Canuzèid
  • Cannuzzo (Cervia): La Madona
  • Capannaguzzo (Cesena): e Macanein
  • Capocolle (Bertinoro): Mont Spachè
  • Carpineta (Cesena): Carpnèida
  • Case Castagnoli (Cesena): Ca’d’Castagnul
  • Case Missiroli (Cesena): Camisirol
  • Casemurate (Ravenna): Camurèdi
  • Castel Bolognese: Castèl Bulgnes
  • Castiglione Di Cervia: Castigliòun
  • Castrocaro Terme e Terra del Sole: Castruchêra e Tèra de Sòl
  • Cattolica: Catolga
  • Cento (Roncofreddo): Zent
  • Cervia: Zìrvia, Zìria
  • Cesena: Zisèna
  • Cesenatico: Ziznàtic
  • Civitella di Romagna: Zivitèla
  • Comacchio: Cumàc
  • Conselice: Cusêls
  • Coriano: Curièn
  • Cotignola: Cudgnôla
  • Crocetta: Crusètta

Continue reading “Al zità” »

Jan 082016
 

Raccolta di insulti, minacce, e cattiverie varie tipiche in dialetto romagnolo, con relativa traduzione.

Vedi anche: Dizionario sfrondoli romagnoli, Al zità e Proverbi e modi di dire romagnoli.
Gruppo Facebook: Spataccati la faccia!

  • Ci tinc com un batèc: Sei rigido come un bastone.
  • Ci tinc com un lumbardòn: Sei rigido come un baccalà.
  • Quèl l’ha una testa cmé un sgòmbar: Lo sgombro, unità di misura ufficiale del Q. I. in Romagna.
  • Quèl lè cmè è moul ad Cescani!: Il mulo di Cescani si muoveva solo a morsi nelle orecchie (origine gambettolese).
  • Va int’e slendar!:
  • Le cumpagn al sumar d’Scaia, l’è tot murluné: E’ come in somaro di Scaia è tutto (?)
  • L’ha mustrè e cul pr’una zrìsa: Ha mostrato il culo per una ciliegia (Detto a chi si è venduto per poco).
  • L’ha pio corni lò canè una zesta’d luméghi: Ha più corna lui di una cesta di lumache.
  • Sut fèm un mangh?: Cosa vuoi farmi un manico?
  • Va in tla Giula!: Vai alla Giola!; la Giola era parte della rete fognaria di Cesena dove il mattatoio scaricava i sui rifiuti
  • L’è ignurent com una zuchìra: È ignorante come una zuchìra; per “zuchìra” si intende il grillotalpa o zuccaiola
  • L’è cateiv c’mé un pèz ad cherna inte col: È cattivo come un pezzo di carne nel collo; la carne è quella del bovino, che sostenendo il giogo sulle spalle induriva il muscolo in quel punto, risultando, una volta macellato, stopposo al palato
  • Ignurent a tè e a chi unte deis!: Ignorante a te e a chi non te lo dice!
  • Ci fort cume l’asèdar: Sei forte come l’aceto
  • Se e mi coul e foss cum la su faza am vergugnareb ènca a scurzé: Se il mio culo fosse come la sua faccia mi vergognerei anche a scoreggiare
  • Ci cumpagna la furzèina in te brod: Sei come la forchetta nel brodo.
  • Tci un bdòch arfàt!: Sei un pidocchio rifatto!; si dice di uno che si è elevato ma è noto che viene dal basso
  • Sbàsa la crèsta!: Abbassa la cresta!; quando qualcuno cerca prevaricare oltre il consentito
  • E counta cm’e do ad coppi quand e cmanda bastoun: Conta come il due di coppe quando comanda bastoni; si dice di qualcuno che conta poco nelle decisioni
  • Tci bèla cum e coul dla padèla: Sei bella come il sotto della padella
  • Se l’ignurenza l’avess agli èli ma te it dareb da magnè sla sfrombla: Se l’ignoranza avesse le ali e te ti darebbero da mangiare con la fionda
  • Ci e mej dla cuveda di baghen malè: Sei il meglio della covata del maiale malato (sei il meglio del peggio)
  • Sat ciàp at scòurg da veiv: Se ti prendo ti scortico vivo
  • Fat margusòun: Fatto margusone (con le candele al naso)
  • Smetla d’fè l’imbezel, va la: Smettila di fare l’imbecille, va la
  • Saret pu un’ignurènt: Sarai pure un ignorante
  • At caz dal scavìdi: Ti do degli scapaccioni
  • Brot zinganàz: Brutto zingaraccio
  • St’atent ch’at’atac in t’la muràia: Stai attento che ti attacco alla muraglia
  • Brut truiasi! brut putanasi!: Brutte troiacce! brutte puttanacce! (detto da una nonna alle nipoti…)
  • Cut venja un azident: Che ti venga un accidende
  • Ci propri un zinzloun: Sei proprio un zuzzurellone
  • Ci acsè svampei che t’coz: Sei cosi svampito che vai a sbattere con la testa
  • S’at ciàp at stac un braz e at mèin sa quèl: Se ti prendo ti stacco un braccio e ti meno con quello
  • At dag un cargadour ad bòti: Ti un carico di botte
  • Va a scurzé en’te remal: Va a scoreggiare sulla crusca

Continue reading “Insulti in dialetto romagnolo” »

Jan 072016
 

Elenco vocaboli provenienti dal dialetto romagnolo in versione “italianizzata”, i quali vengono spesso utilizzati, più o meno consapevolmente, nelle frasi italiane. Fra parentesi è riportata la parola originale in dialetto romagnolo.

Vedi anche: Insulti in dialetto romagnolo, Al zità e Proverbi e modi di dire romagnoli.
Gruppo Facebook: Spataccati la faccia!

A:

  • alora (da alòura): allora, si usa anche come saluto es.: e alora??
  • animaliaccio (da animaliaz): animalaccio
  • aquì (da aquè): qui
  • articiòcco (da artcioch): carciofo
  • arvìre (da arvei): aprire
  • a sà: abbastanza
  • azdora (da azdòura): massaia, reggitrice

B:

  • babùssa (da babossa): mento pronunciato
  • bagàglio (da bagài): oggetto di cui non si conosce o non si ricorda il nome. es: sposta qual bagaglio che è sempre nel mezzo.
  • bagattàre (da bagatè): rovinare.
  • baghìno (da bagèn): maiale
  • baghìno riccio (da baghèn rez): porcospino
  • baiòcchi (da baioch): soldi
  • balòsa/balùsa (da balousa): (1) castagna bollita col guscio, (2) organo genitale femminile, (3) bella ragazza, (4) patacca
  • barbetto (da barbèt): mento
  • basciamèlla (da basciamèla): besciamella
  • bascòzza (da bascòza): tasca
  • bastianàzzo (da bascianàz): persona grande e grossa
  • batecco (da batèch): bastone
  • bazàrro (da bazàr): oggetto di cui non si conosce o non si ricorda il nome
  • biassàre (da biasè): (1) biascicare, (2) pronunziare male, con difficoltà e lentezza
  • biaccolare (da biaclè): parlare in modo incomprensibile o troppo velocemente
  • biciaròtto (da biciaròt): bicchierotto
  • bietta (da biètta): tiro forte (a pallone)
  • bigolo/bigulo (da beigual): ombelico
  • birro (da bér): letteralmente ariete o, più appropriato, montone, fig.: burino
  • bisinìno (da bisinein): poco
  • bombardino (da bumbardèin): oggetto che fa qualcosa, di cui non si conosce o non si ricorda il nome
  • boàzza (da buaza): sonnolenza
  • bocchìno (da buchen): oggetto di poco valore o che funziona male. es: il tuo nuovo amplificatore è proprio un bocchino.
  • boccia, boccino (da bocia, buciein): bambino piccolo
  • borèlla (da burèla): mucca
  • bosco (da bosch): Gambettola
  • bricco (da brech): somaro
  • briscola (da brescla): (1) gioco con le carte, (2) botta, tozzone, calcio. es: se ti prendo ti briscolo.
  • bròda (da broda): mangiare dei maiali
  • bubbolare (da bublè): patire il freddo
  • buffa (da boffa): nevica forte
  • bugarone (da bugaròun): scarafaggio
  • bulirone (da buliròun): confusione, pieno di gente. es: ieri alla festa c’era un gran bulirone.
  • buratèlli (da buratel): anguille
  • burdèllo/burdèlla (da burdèl/burdèla): ragazzo/ragazza
  • bustarghìre (da bustarghei): abbrustolire
  • buso (da bous): buco
  • busone (da busòun):  fortunato

Continue reading “Dizionario sfrondoli romagnoli” »