Mar 132017
 
  • Il cosiddetto “facinoroso” o è idiota o è al soldo degli stessi soggetti che dice di contestare.
  • Dopo una campagna mediatica provocatoria ben studiata i disordini sono un fatto statistico e fisiologico, dunque esplicitamente voluti dal provocatore.
  • I mass media che concentrano l’attenzione sui quattro facinorosi, ignorando le decine di migliaia che fanno protesta pacifica, eseguono e portano a compimento il vero lavoro.
Dec 142016
 

Le notizie suggestive che mettono ansia o allarme, e che non riguardano un meteorite che ti sta precipitando sulla zucca, sono spesso fondate su bufale parziali o complete. Chi le ha pensate non è interessato all’informazione, ha più a cuore il livello di allarme sociale. La paura è notoriamente il mezzo più efficace per governare la cittadinanza, a tutti i livelli.

Sep 022016
 

charlie_hebdo_terremoto-1030x615
Vignetta Charlie Hebdo.

Cito dal dizionario Garzanti alla voce satira:

Genere letterario che ritrae con intenti critici e morali personaggi e ambienti della realtà e dell’attualità, in toni che vanno dalla pacata ironia alla denuncia, all’invettiva più acre.

Qualunque scritto, discorso, disegno, rappresentazione, spettacolo che intende mettere in ridicolo comportamenti o concezioni altrui.

Dunque la vignetta in questione è satira.

Mi permetto tuttavia di aggiungere che se prendi di mira un debole hai fatto satira debole, oltre che pessima e inutile.

Aug 122016
 

Questo non è le scie chimiche, i zinghiri, la collonizazzione islammica, i kamicazzi frustrati, i klandestini che arrubbano il lavoro, lakkasta dei bankieri, e lammerkel malefica.
Questo è il tuo problema.
Ma non lo devi percepire come tale, infatti ne parla Al Jazeera, i trombettieri nazionali parlano d’altro.
Distrazione appunto.
Ma molto presto sarà tutto archiviato, rimarrà la tua miseria.

May 192016
 

Porro lavora per un comitato elettorale, il fatto che lavori anche nel servizio pubblico è la prima anomalia. La seconda anomalia è che i governi mettono le mani sulla Rai, da sempre. In un momento come questo dove fra governo e Berlusconi c’è ostilità (apparente), Porro non può rimanere in Rai, può riportare il culo a casina in Mediaset. A grandi linee, mi sembra che ci sia questo dietro alla cancellazione di Virus. Chi ci guadagna è Porro, che è stato scambiato per giornalista.