Jan 082016
 

Raccolta di insulti, minacce, e cattiverie varie tipiche in dialetto romagnolo, con relativa traduzione.

Vedi anche: Dizionario sfrondoli romagnoli, Al zità e Proverbi e modi di dire romagnoli.
Gruppo Facebook: Spataccati la faccia!

  • Ci tinc com un batèc: Sei rigido come un bastone.
  • Ci tinc com un lumbardòn: Sei rigido come un baccalà.
  • Quèl l’ha una testa cmé un sgòmbar: Lo sgombro, unità di misura ufficiale del Q. I. in Romagna.
  • Quèl lè cmè è moul ad Cescani!: Il mulo di Cescani si muoveva solo a morsi nelle orecchie (origine gambettolese).
  • Va int’e slendar!:
  • Le cumpagn al sumar d’Scaia, l’è tot murluné: E’ come in somaro di Scaia è tutto (?)
  • L’ha mustrè e cul pr’una zrìsa: Ha mostrato il culo per una ciliegia (Detto a chi si è venduto per poco).
  • L’ha pio corni lò canè una zesta’d luméghi: Ha più corna lui di una cesta di lumache.
  • Sut fèm un mangh?: Cosa vuoi farmi un manico?
  • Va in tla Giula!: Vai alla Giola!; la Giola era parte della rete fognaria di Cesena dove il mattatoio scaricava i sui rifiuti
  • L’è ignurent com una zuchìra: È ignorante come una zuchìra; per “zuchìra” si intende il grillotalpa o zuccaiola
  • L’è cateiv c’mé un pèz ad cherna inte col: È cattivo come un pezzo di carne nel collo; la carne è quella del bovino, che sostenendo il giogo sulle spalle induriva il muscolo in quel punto, risultando, una volta macellato, stopposo al palato
  • Ignurent a tè e a chi unte deis!: Ignorante a te e a chi non te lo dice!
  • Ci fort cume l’asèdar: Sei forte come l’aceto
  • Se e mi coul e foss cum la su faza am vergugnareb ènca a scurzé: Se il mio culo fosse come la sua faccia mi vergognerei anche a scoreggiare
  • Ci cumpagna la furzèina in te brod: Sei come la forchetta nel brodo.
  • Tci un bdòch arfàt!: Sei un pidocchio rifatto!; si dice di uno che si è elevato ma è noto che viene dal basso
  • Sbàsa la crèsta!: Abbassa la cresta!; quando qualcuno cerca prevaricare oltre il consentito
  • E counta cm’e do ad coppi quand e cmanda bastoun: Conta come il due di coppe quando comanda bastoni; si dice di qualcuno che conta poco nelle decisioni
  • Tci bèla cum e coul dla padèla: Sei bella come il sotto della padella
  • Se l’ignurenza l’avess agli èli ma te it dareb da magnè sla sfrombla: Se l’ignoranza avesse le ali e te ti darebbero da mangiare con la fionda
  • Ci e mej dla cuveda di baghen malè: Sei il meglio della covata del maiale malato (sei il meglio del peggio)
  • Sat ciàp at scòurg da veiv: Se ti prendo ti scortico vivo
  • Fat margusòun: Fatto margusone (con le candele al naso)
  • Smetla d’fè l’imbezel, va la: Smettila di fare l’imbecille, va la
  • Saret pu un’ignurènt: Sarai pure un ignorante
  • At caz dal scavìdi: Ti do degli scapaccioni
  • Brot zinganàz: Brutto zingaraccio
  • St’atent ch’at’atac in t’la muràia: Stai attento che ti attacco alla muraglia
  • Brut truiasi! brut putanasi!: Brutte troiacce! brutte puttanacce! (detto da una nonna alle nipoti…)
  • Cut venja un azident: Che ti venga un accidende
  • Ci propri un zinzloun: Sei proprio un zuzzurellone
  • Ci acsè svampei che t’coz: Sei cosi svampito che vai a sbattere con la testa
  • S’at ciàp at stac un braz e at mèin sa quèl: Se ti prendo ti stacco un braccio e ti meno con quello
  • At dag un cargadour ad bòti: Ti un carico di botte
  • Va a scurzé en’te remal: Va a scoreggiare sulla crusca

Continue reading “Insulti in dialetto romagnolo” »