Sep 082016
 

Il discorso di re Harald V di Norvegia:

Siamo tutti norvegesi: ragazze che amano altre ragazze, ragazzi che amano altri ragazzi, e ragazze e ragazzi che si amano tra loro… i norvegesi credono in Dio, in Allah, in tutto o in nulla. Sono norvegesi anche quelli venuti dall’Afghanistan o dal Pakistan, dalla Polonia, dalla Svezia, dalla Somalia e dalla Siria. Non è sempre facile dire da dove veniamo e quale è la nostra nazionalità. Ciò che chiamiamo casa nostra è il luogo dove è e dove batte il nostro cuore, e non sempre questo luogo è all’interno delle frontiere di un Paese. La mia grande speranza è che continuiamo a costruire questo Paese sui valori della fiducia, della comunità e della generosità.

Se vince Donney emigro in Norvegia.

Feb 092016
 

La legge sulla stepchild adoption prevede principalmente diritti per il minore, per il semplice fatto che essere genitore non equivale a togliersi uno sfizio ma comporta precisi doveri. È una legge pensata principalmente per tutelare i minori che si trovano in determinate situazioni. Dunque, tolti gli opportunisti bigotti per calcolo politico che strillano in Tv, il grosso dell’opposizione e degli indecisi è formato da persone che non hanno capito una beata minchia.

Feb 072016
 

Grillo, con la libertà di coscienza sul ddl Cirinnà, ha avuto il solito colpo di genio, ha calato le braghe alle fregnacce del family stupiday e si è persino beccato della “presa di posizione lucida” dal Cretinolfi. Ora il ddl Cirinnà rischia di essere affossato. Bravo Grillo, continua a perdere occasioni.

Jan 212016
 

Che la Costituzione Italiana preveda il matrimonio esclusivamente fra uomo e donna è una balla colossale, il fatto che venga ripetuta a mantra dal bigotto di turno in TV non cambia lo stato delle cose.
Per “società naturale” la Costituzione intende il riconoscimento di una condizione preesistente nella società italiana, non il sesso dei coniugi. I limiti sono stabiliti dalle leggi, che però devono garantire i principi fondamentali di uguaglianza enunciati dall’Articolo 3.

COSTITUZIONE ITALIANA

Articolo 29:

La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio.
Il matrimonio è ordinato sull’uguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare.

Articolo 30:

E` dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio.
Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti.
La legge assicura ai figli nati fuori del matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia legittima.
La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternità.

Articolo 3

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Jan 202016
 

Secondo i vari Buttiglioni e bigottoni assortiti il matrimonio è finalizzato alla procreazione, dunque strillano contro il matrimonio fra due persone dello stesso sesso perché non possono procreare. Benissimo. Allora secondo questa logica dovrebbero fare una legge che imponga alle coppie etero il certificato di fertilità come prerequisito per il matrimonio.