Jan 082017
 

Arnold Layne

A-side of the first Pink Floyd’s single Arnold Layne (10-Mar-1967).
By Syd Barrett (Pink Floyd)

Traduzione in dialetto romagnolo a cura di mazapegul:

Arnold Lein l’aveva un viziazz
E ciavèva i pèn steis sota e cièr dla Louna
I i’ stasèva propri ben

In te mour u’iera un spèc grand
U s’avdeva imbruiè, al mudandi zilèsti cus vèd e sotta, por burdèl
L’ha tolt quèlli

Oh Arnold Lein, la n’è la stesa roba
E bsogna lès in dou par savèi, dou par savèi
T’an vì?

Arnold Lein
Arnold Lein

Adès i l’ha ciap pr’un un spurcazòun
I l’ha cious in tla prisòun
U gni pis gamba

Arnold Lein
Arnold Lein

Arnold Lein, ta ne fèga piò!

Testo originale:

Arnold Layne had a strange hobby
Collecting clothes, moonshine washing lines
They suit him fine

On the wall hung a tall mirror
Distorted view, see through, baby blue
He got it

Oh Arnold Layne, it’s not the same
It takes two to know, two to know, two to know, two to know
Why can’t you see

Arnold Layne
Arnold Layne
Arnold Layne

Now he’s caught a nasty sort of person
They gave him time, doors bang chaingang
He hated

Arnold Layne
Arnold Layne
Arnold Layne

Don’t do it again!

Jul 192016
 

Nobody Home (Nisoun in ca)

16th song from the album The Wall (30-Nov-1979)
By Roger Waters (Pink Floyd)

Traduzione in dialetto romagnolo a cura di mazapegul:

Aiò un librizin nir cun al mi poesii
Aiò una bursètta cun e spazulein e e pètan
Quand a fag e brèv cagnein
Im bota un’oss, dal volti
Aiò di elastic ch’im ten sò al schèrpi
Aiò chi blues dal mèni gounfi
Aiò treg canel d’merda da guardè in t’la televisioun

Aiò la lousa
Aiò la sgònda vesta
Aiò un òcc ch’lè una putenza
E l’è par quèst ca sò
Che quand a prov ad ciamèt
An truvarò mai nisoun in ca

Aiò la pitnadoura obligatoria cumpagna jimi hendrix
E sèmpra chi busanein bruse
Dninz in t’la camisa ad raso clam pis ad piò
Aiò al didi macèdi ad nicotina
Aiò un cuciarein d’arzent in t’la cadneina
Aiò e pianoforte long
Par met sò quel ch’l’arvènza d’la mi vida
Aiò di occ saibèdgh chi gvèrda fes
Aiò una gran voia ad ciapè e vòul
Ma a nò gnènca un pòst par vulè
Oh burdèla, quand a ciap e telefono
Un gnè ancòura nisoun in ca

Aiò un pèr ad stivel gohills
E radghi ch’al sin va

Testo originale:

I’ve got a little black book with my poems in
I’ve got a bag with a toothbrush and a comb in
When I’m a good dog they sometimes throw me a bone in
I got elastic bands keeping my shoes on
Got those swollen hand blues.
Got thirteen channels of shit on the T.V. to choose from

I’ve got electric light
And I’ve got second sight
I’ve got amazing powers of observation
And that is how I know
When I try to get through
On the telephone to you
There’ll be nobody home

I’ve got the obligatory Hendrix perm
And I’ve got the inevitable pinhole burns
All down the front of my favourite satin shirt
I’ve got nicotine stains on my fingers
I’ve got a silver spoon on a chain
I’ve got a grand piano to prop up my mortal remains
I’ve got wild staring eyes
I’ve got a strong urge to fly
But I’ve got nowhere to fly to
Ooooh Babe when I pick up the phone
There’s still nobody home

I’ve got a pair of Gohills boots
And I’ve got fading roots

Jul 052016
 

The Gunner’s Dream (Il Sogno Dell’Artigliere)

5th song from the album The Final Cut (21-Mar-1983)
By Roger Waters (Pink Floyd)

Traduzione in italiano a cura di mazapegul:

Fluttuando giù [1] attraverso le nuvole
Ora i ricordi mi raggiungono di fretta
Nello spazio fra i cieli
E nell’angolo di qualche campo straniero
Ho fatto un sogno

Ciao Max
Ciao mamma
Dopo la funzione [2] quando lentamente tornate all’auto
E l’argento nei capelli di lei splende nella fredda aria di novembre
Senti il rintocco della campana
E prendi la seta del tuo lapel [3]
E mentre le lacrime si alzano per trovare il conforto della banda
Le prendi la mano delicata
E ti aggrappi al sogno

Un posto dove stare
Abbastanza da mangiare
Un posto dove vecchi eroi passeggiano tranquillamente per la strada
Dove puoi far sentire forte la tua voce
Sui tuoi dubbi e paure
E soprattutto
Nessuno deve più scomparire [4]
Non li senti più col loro equipaggiamento [5] scalciare alla tua porta
Puoi rilassarti su entrambi i lati delle strade [6]
E i fanatici non crivellano i suonatori col telecomando [7]
E tutti fanno ricorso alla legge
E nessuno uccide più i bambini

Notte dopo notte
Mi rigira nel cervello
Il suo sogno mi fa impazzire

Nell’angolo di qualche campo straniero
L’artigliere stanotte dorme
Quel che è fatto è fatto
Non possiamo semplicemente cancellare la sua scena finale
Pensa bene al suo sogno
Pensaci bene

[1] “Floating down”, in italiano “fluttuando giù”, si riferisce alla caduta col paracadute.
[2] “Service” si riferisce al rito funebre religioso o funzione.
[3] “Lapel” o “rever” della giacca.
[4] Durante il regime nazista la gente veniva “fatta sparire” (deportata), poteva accadere agli ebrei, agli omosessuali, o a chiunque fosse inviso al regime.
[5] “Standard-issue” si riferisce all’equipaggiamento obbligatorio militare, armi incluse.
[6] Sempre durante il regime nazista agli ebrei veniva proibito di camminare sui marciapiedi.
[7] Waters fa riferimento all’attacco terroristico della IRA al Regent’s Park di Londra, il 20-Jul-1982. Durante il concerto della banda Royal Green Jackets una bomba venne fatta esplodere sotto il palco con un telecomando, uccidendo sette suonatori.

Testo originale:

Floating down through the clouds
Memories come rushing up to meet me now
In the space between the heavens
And in the corner os some foreign field
I had a dream
I had a dream

Goodbye Max
Goodbye ma
After the service when you’re walking slowly to the car
And the silver in her hair shines in the cold november air
You hear the tolling bell
And touch the silk in your lapel
And as the tear drops rise to meet the comfort of the band
You take her frail hand
And hold on to the dream

A place to stay
Enough to eat
Somewhere old heroes shuffle safely down the street
Where you can speak out loud
About your doubts and fears
And what’s more no-one ever disappears
You never hear their standard issue kicking in your door
You can relax on both sides of the tracks
And maniacs don’t blow holes in bandsmen by remote control
And everyone has recourse to the law
And no-one kills the children anymore
And no-one kills the children anymore

Night after night
Going round and round my brain
His dream is driving me insane
In the corner of some foreign field
The gunner sleeps tonight
Whats done is done
We cannot just write off his final scene
Take heed of his dream
Take heed

Jun 082016
 

Bike (Bici)

Last song from the album The Piper at the Gates of Dawn (5-Aug-1967)
By Syd Barrett (Pink Floyd)

Traduzione in italiano a cura di mazapegul:

Ho una bici, puoi provarla se ti va
Ha un cestello, un campanello che suona
E cose che la fanno sembrare bella
Te la darei se potessi ma ce l’ho in prestito

Sei il tipo ragazza adatta al mio mondo
Ti darò qualsiasi cosa qualunque cosa se vuoi cose

Ho un mantello, è un po’ ridicolo
Ha uno strappo sul davanti, è rosso e nero
Ce l’ho da mesi
Se pensi che sia bello
Allora può darsi che lo sia davvero

Sei il tipo ragazza adatta al mio mondo
Ti darò qualsiasi cosa qualunque cosa se vuoi cose

Conosco un topolino che è senza casa
Non so perché lo chiamo Gerald
Ormai è piuttosto vecchio ma è un bravo topolino

Sei il tipo ragazza adatta al mio mondo
Ti darò qualsiasi cosa qualunque cosa se vuoi cose

Ho un clan di gingerbread men [1]
Uno qua, uno là, tanti gingerbread men
Prendine due se vuoi, sono sul piatto

Sei il tipo ragazza adatta al mio mondo
Ti darò qualsiasi cosa qualunque cosa se vuoi cose

So di una stanza piena di brani musicali
qualche rima, qualche ching, molti dei quali vanno a molla
Andiamo nell’altra stanza e facciamoli funzionare

[1] I “gingerbread men” sono biscotti allo zenzero a forma di omino.

Testo originale:

I’ve got a bike, you can ride it if you like.
It’s got a basket, a bell that rings
And things to make it look good.
I’d give it to you if I could, but I borrowed it.

You’re the kind of girl that fits in with my world.
I’ll give you anything, everything if you want things.

I’ve got a cloak it’s a bit of a joke.
There’s a tear up the front. It’s red and black.
I’ve had it for months.
If you think it could look good, then I guess it should.

You’re the kind of girl that fits in with my world.
I’ll give you anything, everything if you want things.

I know a mouse, and he hasn’t got a house.
I don’t know why I call him Gerald.
He’s getting rather old, but he’s a good mouse.

You’re the kind of girl that fits in with my world.
I’ll give you anything, everything if you want things.

I’ve got a clan of gingerbread men.
Here a man, there a man, lots of gingerbread men.
Take a couple if you wish. They’re on the dish.

You’re the kind of girl that fits in with my world.
I’ll give you anything, everything if you want things.

I know a room full of musical tunes.
Some rhyme, some ching, most of them are clockwork.
Let’s go into the other room and make them work.